La presente informativa è resa, anche ai sensi dell’art. 13 del D. Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (“Codice Privacy”) 
e degli artt. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679 (“GDPR”), a coloro che si collegano alla presente edizione online del giornale Tribuna Economica di proprietà di AFC Editore Soc. Coop. 

Leggi di più

Il Gran Premio svizzero di letteratura 2020 è assegnato a Sibylle Berg per l’insieme della sua opera. Il premio speciale di traduzione va a Marion Graf per le sue traduzioni dal tedesco e dal russo al francese. Oltre a queste due distinzioni, sono stati attribuiti

i Premi svizzeri di letteratura ad autori e autrici per opere letterarie pubblicate lo scorso anno. La cerimonia di premiazione, in presenza del consigliere federale Alain Berset, avrà luogo il 13 febbraio prossimo presso la Biblioteca nazionale svizzera a Berna.

Gran Premio svizzero di letteratura 2020 a Sibylle Berg.   Nata a Weimar, Sibylle Berg si sposta nel 1984 nella Germania Ovest. Studia oceanografia e scienze politiche ad Amburgo e si dedica alla scrittura. Nel 1996 si trasferisce a Zurigo e nel 1997 pubblica il suo primo romanzo. Autrice e giornalista, ha scritto 15 romanzi oltre a numerose opere teatrali e molti radiodrammi. La giuria federale della letteratura riconosce in lei una voce innovativa, impegnata ed essenziale nella letteratura contemporanea di lingua tedesca. Sybille Berg ha ricevuto il Premio svizzero del libro 2019 per il suo ultimo romanzo «GRM Brainfuck» e il premio austriaco Nestroy per la migliore opera teatrale del 2019 per la sua pièce «Hass-Triptichon – Wege aus der Krise».

Premio speciale di traduzione a Marion Graf.   Nata nel 1954 a Neuchâtel, Marion Graf consegue la maturità a La Chaux-de-Fonds e successivamente studia russo, spagnolo e letteratura francese alle università di Basilea, Losanna, Voronež (Russia) e Cracovia (Polonia). Ha tradotto in francese le opere di Robert Walser per le Éditions Zoé e di numerosi romanzieri e poeti di lingua tedesca e russa, tra cui Markus Werner, Klaus Merz, Erika Burkart, Erica Pedretti, Jürg Schubiger, Conrad Ferdinand Meyer, Franz Hohler, Anna Achmatova e Vladimir Odoevskij. Marion Graf è impegnata regolarmente nella formazione di giovani traduttori. Dal 2010 dirige la «Revue de Belles-Lettres» e lavora come critica letteraria specializzata nella poesia. Dal 2012 al 2017 ha fatto parte della giuria federale di letteratura.

Premi svizzeri di letteratura 2020.   La giuria federale della letteratura ha assegnato un Premio svizzero di letteratura per opere pubblicate nel 2019 agli autori e alle autrici seguenti:

Flurina Badel, «tinnitus tropic, poesias», editionmevinapuorger (Guarda, GR); François Debluë, «La seconde mort de Lazare», Editions l’Age d’Homme (Rivaz, VD); Doris Femminis, «Fuori per sempre», Marcos Y Marcos (Le Sentier, VD); Christoph Geiser, «Verfehlte Orte. Erzählungen», Secession Verlag für Literatur (Berna); Pascal Janovjak, «Le Zoo de Rome», Actes Sud (Roma, Italia); Noëmi Lerch, «Willkommen im Tal der Tränen», Verlag die Brotsuppe (Aquila, TI); Demian Lienhard, «Ich bin die, vor der mich meine Mutter gewarnt hat», Frankfurter Verlagsanstalt (Baden, AG).