La presente informativa è resa, anche ai sensi dell’art. 13 del D. Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (“Codice Privacy”) 
e degli artt. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679 (“GDPR”), a coloro che si collegano alla presente edizione online del giornale Tribuna Economica di proprietà di AFC Editore Soc. Coop. 

Leggi di più

Grande soddisfazione per la decisione del Governo degli Stati Uniti che non colpisce i prodotti italiani con dazi aggiuntivi e’ stata espressa dal Sottosegretario Scalfarotto che assieme alla nostra Ambasciata a Washington ha incontrato, sensibilizzandole,

nei giorni scorsi, tutte le principale autorita’ governative americane ed aveva ottenuto l’invio di una lettera a Presidente Trump da parte di un gruppo di oltre 40 parlamentari statunitensi per salvaguardare i prodotti italiani da questa tornata di dazi.

“Sono particolarmente soddisfatto dell’esito del negoziato e in particolare del fatto che sono state tenute in considerazione per la decisione finale tutte le argomentazioni a tutela del Made in Italy che abbiamo presentato nei giorni scorsi alla Casa Bianca, USTR, Dipartimento del Commercio, Dipartimento di Stato e Congresso. L’Italia rischiava infatti dazi aggiuntivi su vino, pasta, caffe’, pellame e molti altri prodotti agroalimentari e non solo, oltre che un inasprimento dei dazi su formaggi duri e liquori gia’ stabiliti a ottobre ” ha dichiarato Scalfarotto. “Si e’ trattato di un gioco di squadra tra Governo, Ambasciata d’Italia a Washington e associazioni imprenditoriali a conferma che l’Italia quando e’ in grado di fare sistema puo’ raggiungere risultati significativi.” ha concluso il Sottosegretario agli Esteri.