La presente informativa è resa, anche ai sensi dell’art. 13 del D. Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (“Codice Privacy”) 
e degli artt. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679 (“GDPR”), a coloro che si collegano alla presente edizione online del giornale Tribuna Economica di proprietà di AFC Editore Soc. Coop. 

Leggi di più

La Securities and Exchange Commission - Sec, autorità di vigilanza americana,  avvisa i risparmiatori che i truffatori si avvalgono spesso delle notizie più recenti per raggirare gli investitori. La Sec è venuta a conoscenza di una serie di promozioni apparse

su Internet e sui social media, relative alla possibilità che prodotti o servizi di società quotate sul mercato siano in grado di prevenire, individuare o curare il coronavirus e della possibilità che ciò possa comportare un incremento incontrollato del valore delle azioni di determinate società quotate. Queste promozioni assumono spesso la forma dei cosiddetti "rapporti di ricerca" e contengono la previsione di uno specifico "prezzo indicativo" delle azioni in questione.  La Sec invita gli investitori a diffidare di queste promozioni e a riflettere sulla loro sostanziale natura fraudolenta.

Fare attenzione ad informazioni che affermano che prodotti o i servizi di un'azienda specifica siano in grado di fermare il coronavirus, in particolare ad informazioni relative ad azioni di società a bassa capitalizzazione (microcap). Queste voci incontrollate possono fare parte di schemi fraudolenti di aumento artificioso del valore dei titoli (pump-and-dump).

Rischiare di perdere somme ingenti di denaro nel caso di investimenti in una società descritta in modo inesatto o inaffidabile. Nel caso di sospensione dalla negoziazione dei titoli della società in questione potreste rischiare di non poter rivendere le azioni acquistate.

La presentazione di suggerimenti, reclami o segnalazioni in riferimento a sospette frodi o azioni fraudolente o truffe può essere effettuata online all'indirizzo https://www.sec.gov/tcr.

Sebbene dichiarazioni fallaci relative al coronavirus possano riguardare qualsiasi azienda, le azioni delle micro-aziende possono rivelarsi particolarmente vulnerabili a rischi di frode per gli investitori, ivi comprese le truffe riferite al coronavirus. Le azioni delle microcap sono titoli a basso prezzo che vengono emessi dalle società di più ridotte dimensioni. In molti casi scarseggiano le informazioni disponibili e di dominio pubblico sui manager, sui prodotti e servizi e sulla situazione finanziaria di queste società microcap. Questo può agevolare l'azione dei truffatori nel diffondere informazioni false sulla società e nel trarne quindi profitto a spese di investitori scarsamente informati.

Ad esempio, in uno schema "pump-and-dump", i promotori "gonfiano" o aumentano il prezzo delle azioni di una società mettendo in circolazione informazioni (rumours) ottimistiche, ma spesso false. I rumours spingono molti investitori ad acquistare questi titoli. Successivamente, i truffatori o i loro complici "si liberano" rapidamente delle proprie azioni prima che la falsa euforia (hype) finisca. In genere, una volta che i truffatori hanno tratto profitto dalle loro vendite, il prezzo delle azioni crolla e gli investitori rimasti con le azioni finiscono per perdere la maggior parte delle somme investite.

Quando si investe in qualsiasi azienda, comprese quelle che dichiarano di concentrarsi su prodotti e servizi correlati al coronavirus, è indispensabile compiere una valutazione approfondita dell'investimento e tenere presente che i maestri degli investimenti-truffa sfruttano spesso ogni singola crisi per riempirsi le tasche.