La presente informativa è resa, anche ai sensi dell’art. 13 del D. Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (“Codice Privacy”) 
e degli artt. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679 (“GDPR”), a coloro che si collegano alla presente edizione online del giornale Tribuna Economica di proprietà di AFC Editore Soc. Coop. 

Leggi di più

A seguito del brusco aumento del cambio dollaro/rublo le principali banche russe hanno ridotto i tassi di interesse sui conti in valuta estera, mentre hanno aumentato quelli in valuta locale, per evitare che i clienti vendano in massa i rubli,

contribuendo alla svalutazione di tale moneta. Tra le banche che hanno già adottato tali misure vi sono: VTB (-0,45% di interessi sui depositi in dollari; + 0,3% sui depositi in rubli), Sovkombank (-0,5% di interessi sui depositi in dollari; + 0,5% sui depositi in rubli), Rosselchozbank (-0,5% di interessi depositi in dollari; + 1% sui depositi in rubli). Alcune banche, tra le quali Raffaisenbank, hanno già annullato i depositi a lungo termine in dollari.      (ICE MOSCA)