La presente informativa è resa, anche ai sensi dell’art. 13 del D. Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (“Codice Privacy”) 
e degli artt. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679 (“GDPR”), a coloro che si collegano alla presente edizione online del giornale Tribuna Economica di proprietà di AFC Editore Soc. Coop. 

Leggi di più

La Banca centrale cinese ha immesso liquidità per 20 miliardi di yuan (circa 2,82 miliardi di dollari) nel sistema finanziario. La People's Bank of China (PBOC) ha iniettato 20 miliardi di yuan nel mercato attraverso operazioni di pronti contro termine a sette giorni ad

un tasso di interesse del 2,2 per cento. L'operazione mira a mantenere la liquidità nel sistema bancario ad un livello ragionevolmente sufficiente, secondo una dichiarazione sul sito web della Banca centrale. Il pronto contro termine è un processo in cui la Banca centrale acquista titoli dalle banche commerciali attraverso un'offerta, con un accordo per rivenderli in futuro. La PBOC lunedì ha iniettato 50 miliardi di yuan nel mercato attraverso i pronti contro termine a sette giorni, tagliando il tasso di interesse di 20 punti base al 2,2% per ridurre i costi di prestito e compensare lo shock economico della nuova epidemia di coronavirus.  (ICE SHANGHAI - Agenzia Xinhua)