La presente informativa è resa, anche ai sensi dell’art. 13 del D. Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (“Codice Privacy”) 
e degli artt. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679 (“GDPR”), a coloro che si collegano alla presente edizione online del giornale Tribuna Economica di proprietà di AFC Editore Soc. Coop. 

Leggi di più

Fino ad ora nessuna cifra di vendita, nessuna dichiarazione concreta, solo valutazioni di massima e la domanda se l´e-commerce trae profitto dalla chiusura dei negozi. Amazon, Farfetch e Zalando sarebbero i grandi vincitori della crisi, l'e-commerce

la soluzione per tutti? Parrebbe ovvio, ma in questi giorni questa generalizzazione non sembra vincente. La chiusura ha inevitabilmente portato ad un aumento dei consumatori online. Tuttavia, attualmente ciò vale soprattutto per i prodotti di prima necessità: l'e-commerce è in pieno boom nei servizi di consegna di prodotti alimentari e farmaceutici e affini.  E' comunque chiaro che la crisi causata dal Corona Virus non ha lasciato indifferenti i rivenditori online. Così Zalando si è visto costretto ad abbassare le previsioni per il primo trimestre. L'azienda si aspetta ora un fatturato e un volume d'affari lordo "significativamente" più bassi, nonché una perdita nei primi tre mesi dell'esercizio in corso. Di fatto i consumatori possono fare acquisti online - ma non lo fanno. O molto meno del solito.

Tuttavia Zalando rilancia con l'iniziativa Connected Retail, che collega direttamente i punti vendita tradizionali in Germania con la piattaforma. Dal 1° aprile al 31 maggio, i partner nuovi ed esistenti nel programma non pagheranno la commissione se vendono la loro gamma di prodotti via Zalando. La commissione ammonta di solito al 12 e il 15%."Per molti rivenditori, il business online è una leva importante per sopravvivere. Nelle ultime due settimane abbiamo visto quintuplicare il numero di richieste", afferma Carsten Keller, Vice Presidente Direct to Consumer Zalando e responsabile di Connected Retail. Abbiamo aumentato le nostre capacità per collegare tutti il più rapidamente possibile. Attualmente sono collegati circa 1500 concessionari fissi."Anche Ebay ha avviato un programma di aiuti d'emergenza. L'azienda concede a tutti i commercianti dei paesi di lingua tedesca che vendono sulla piattaforma un rinvio del pagamento per la prossima fattura. Chiunque gestisca un'onlinestore su Ebay riceverà un negozio premium gratuito per sei mesi (il costo standard sarebbe di 300 euro al mese) e non dovrà pagare una commissione di vendita per tre mesi. (ICE BERLINO)