La presente informativa è resa, anche ai sensi dell’art. 13 del D. Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (“Codice Privacy”) 
e degli artt. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679 (“GDPR”), a coloro che si collegano alla presente edizione online del giornale Tribuna Economica di proprietà di AFC Editore Soc. Coop. 

Leggi di più

Il Giappone ha annunciato un elenco di aziende locali soggette a norme più severe in fatto di quote di proprietà detenute da stranieri - che include colossi quali Toyota Motor Corporation e Sony Corporation - a fronte del fatto che Stati Uniti ed Europa stanno intensificando i

controlli sulle industrie chiave per la sicurezza nazionale. Da una lista pubblicata dal Ministero delle Finanze risulta che il Giappone ha identificato 518 aziende - su un totale di circa 3.800 - come imprese chiave per la sicurezza nazionale e le ha rese oggetto di normative più severe. L’inasprimento delle norme sugli investimenti stranieri, che riguarda una dozzina di settori cruciali per la sicurezza nazionale - tra cui petrolio, ferrovie, servizi pubblici, armi, spazio, energia nucleare, aviazione, telecomunicazioni e sicurezza informatica - diventerà effettivo dal 15 maggio.

Gli investitori stranieri che acquistano una partecipazione dell'1% o più in imprese giapponesi appartenenti ai suddetti 12 settori, d’ora in poi in linea di principio saranno sottoposti ad un pre-esame. Fino ad ora, tali controlli avvenivano solo se si superava una soglia del 10%. Alcuni lamentano che la norma scoraggerebbe gli investitori stranieri interessati al mercato azionario giapponese e andrebbe contro gli sforzi del governo di attirare investimenti per rivitalizzare l'economia.