La presente informativa è resa, anche ai sensi dell’art. 13 del D. Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (“Codice Privacy”) 
e degli artt. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679 (“GDPR”), a coloro che si collegano alla presente edizione online del giornale Tribuna Economica di proprietà di AFC Editore Soc. Coop. 

Leggi di più

L'ABI ha reso noto che le nuove moratorie su prestiti promosse da ABI in accordo con le Associazioni di categoria e scaturite dalla legge ammontano a due milioni e trecentomila pratiche per totale di finanziamenti di 240 miliardi di Euro, di cui oltre un milione richieste da imprese e

quasi un milione duecentomila da famiglie.

Tutto questo lavoro impegna le banche in questa fase emergenziale e, in termini di importi, ha prodotto l'accoglimento dell'80% delle domande di moratorie, solo l'uno per cento di non accoglimento, mentre il 19% è in corso di esame.

 A questo colossale impegno delle banche e dei bancari (che si assomma alle consuete attività svolte, però, nell'emergenza del coronavirus) si assommano anche le domande di nuova liquidità nell'ultimo mese inviate dalle banche al Fondo di garanzia: al 21 maggio esse sono cresciute a 329 mila (+ 26 mila sul giorno precedente) per finanziamenti richiesti di circa 15 miliardi (oltre un miliardo in più rispetto al giorno prima), di cui, fino a 25mila Euro, sono cresciute a 295 mila, per oltre 6 miliardi di Euro, proseguendo nell'importante crescita.