La presente informativa è resa, anche ai sensi dell’art. 13 del D. Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (“Codice Privacy”) 
e degli artt. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679 (“GDPR”), a coloro che si collegano alla presente edizione online del giornale Tribuna Economica di proprietà di AFC Editore Soc. Coop. 

Leggi di più

I TWEET

La copia digitale del numero del 2 agosto è acquistabile nello store online https://t.co/rKpp9o2bQV https://t.co/HnmClItY0g
#Roma il primo #hub di e-mobility completamente automatizzato attraverso l’App #OnMobilityhttps://t.co/9gogUJAPGn
“Più Raccogli, più Semini” campagna di #Payback con @Treedom che trasforma i punti in #alberihttps://t.co/aZlnislulF
@InfoJobsIT : osservatorio sul mercato del lavoro nel semestre 2021 https://t.co/huwcJ9CDu6 via @TribunaEconomic

Al fine di migliorare l'efficienza delle catene logistiche, il decreto legislativo nr. 1492 adottato dal Ministero del commercio estero e del turismo (Mincetur) dispone che tutte le procedure di commercio estero diventino completamente elettroniche e, così, più trasparenti.

Il passaggio alle procedure virtuali è comunque progressivo.

La pandemia ha rivelato, infatti, carenze nella logistica del commercio estero: gli operatori devono svolgere numerose procedure in forma presenziale e utilizzando documenti cartacei. La Banca mondiale, in uno studio sulla competitività del settore portuale peruviano condotto nel 2016, ha evidenziato che importatori ed esportatori devono pagare servizi collegati alle operazioni di trasporto e sdoganamento che non hanno richiesto e su cui non hanno alcun potere negoziale, in contrasto con le migliori pratiche internazionali.

La Banca Mondiale ha identificato che i costi evitabili nella catena logistica portuale sono di circa $ 300 per container, che cumulativamente avrebbero rappresentato circa $ 649 milioni nel 2019.   (ICE SANTIAGO)