La presente informativa è resa, anche ai sensi dell’art. 13 del D. Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (“Codice Privacy”) 
e degli artt. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679 (“GDPR”), a coloro che si collegano alla presente edizione online del giornale Tribuna Economica di proprietà di AFC Editore Soc. Coop. 

Leggi di più

Il settore della moda è stato centro del quinto video-collegamento tra l’Ambasciata di Tokyo, le aziende e i connazionali impegnati per il rilancio del Made in Italy in Giappone. “Tessile, abbigliamento, pelletteria, accessori moda hanno per noi un’assoluta portata strategica”,

ha detto l’Ambasciatore d’Italia a Tokyo Giorgio Starace parlando dell’iniziativa, cui hanno partecipato qualificati operatori e rappresentanti di grandi gruppi e PMI. Ospiti d’onore il Presidente e il Direttore Generale di Confindustria Moda, Claudio Marenzi e Gianfranco di Natale.

“Stiamo parlando della voce più rilevante del nostro export in Giappone: 24,5% del totale per l’ammontare, in valore, di 2,5 miliardi di euro sui 10,5 miliardi di esportazioni registrati complessivamente dal febbraio 2019 al gennaio 2020: primo anno di attuazione dell’EPA UE-Giappone. Siamo il Paese UE che esporta di più e la Francia, seconda dopo di noi, esporta meno di un terzo rispetto all’Italia”, ha aggiunto Starace.

“Nel primo anno di attuazione dell’EPA UE-Giappone abbiamo assistito a un incremento significativo, pari al 9,5%, del valore del nostro export in questo macro-settore”, ha proseguito l’ambasciatore. "L’EPA prevede infatti le maggiori liberalizzazioni tariffarie proprio nel settore fashion, oltre all’agroalimentare. Al tempo stesso, nonostante i benefici dell’EPA, il settore fashion è quello dove intravediamo un potenziale maggiore. Nei primi 12 mesi di attuazione dell’accordo, il 25,2 percento del valore delle spedizioni di prodotti tessili, di abbigliamento e degli altri accessori moda è entrato in Giappone attraverso le liberalizzazioni EPA: possiamo e dobbiamo quindi fare di più considerato che per ciò che concerne il totale del nostro export abbiamo utilizzato l’Accordo per il 48% delle nostre spedizioni. Siamo consapevoli che nel settore moda il rispetto delle previste regole d’origine è complicato ma sono convinto che vi siano margini per migliorare ulteriormente”.

Per ICE è intervenuta Erica Di Giovancarlo, alla guida dell’Ufficio di Tokyo. “ICE continuerà con convinzione nella sua attività promozionale in Giappone. Per il settore moda saremo presenti anche quest’anno con Moda Italia - Shoes from Italy, evento dedicato al Made in Italy più autentico e da sempre vetrina in Giappone per i prodotti d’eccellenza dell’abbigliamento e del comparto pelletteria/calzature. Per promuovere ulteriormente le potenzialità dell’EPA avvieremo inoltre un’intensa attività di formazione e assistenza rivolta agli importatori locali e alle aziende italiane interessate ad accedere a questo mercato. Sarà inoltre importante approfondire le prospettive di diffusione del Made in Italy nei canali e-commerce giapponesi”.  (Farnesina)