La presente informativa è resa, anche ai sensi dell’art. 13 del D. Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (“Codice Privacy”) 
e degli artt. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679 (“GDPR”), a coloro che si collegano alla presente edizione online del giornale Tribuna Economica di proprietà di AFC Editore Soc. Coop. 

Leggi di più

Si rinnova e rafforza la collaborazione istituzionale sul territorio con la costituzione dell’Osservatorio Provinciale presso la Prefettura di Barletta-AndriaTrani in materia di risorse e convenzioni antiusura e antiracket a vantaggio del tessuto economico e sociale.

Questo il primo risultato del Protocollo d’intesa per la prevenzione ed il contrasto dei fenomeni dell’usura e dell’estorsione siglato oggi a Barletta tra Prefettura Barletta-Andria-Trani, ABI Puglia, Commissario straordinario del Governo antiusura e antiracket, Fondazione Antiusura S. Nicola e Santi Medici, F.A.I. Antiracket Associazione Regionale, Direzione generale Cofidi puglia, Upsa Confartigianato.

Tenuto conto delle conseguenze economiche su famiglie ed imprese connesse alla crisi da Coronavirus con il rischio di espansione di fenomeni criminali, nell’accordo si segnala l’obiettivo di “rendere ulteriormente proficuo il rapporto tra le banche e tutti gli interlocutori coinvolti nella prospettiva di una sempre più efficace opera di prevenzione dei fenomeni criminali dell’usura e dell’estorsione. Priorità perseguibile anche attraverso l’incremento degli strumenti di sostegno alle famiglie, alle microimprese o più in generale alle piccole medie imprese in momentanea difficoltà”.

In questo senso, l’Osservatorio Provinciale avrà tra i suoi compiti: la promozione di iniziative di informazione sull’utilizzazione dei Fondi di prevenzione dell’usura, mantenendosi in stretto contatto con i Confidi, le Associazioni di Categoria ed altri soggetti pubblici e privati impegnati nel settore; il monitoraggio dell’applicazione del presente protocollo ai fini della migliore definizione di strategie di prevenzione e contrasto, anche d’intesa con le banche; il sostegno verso iniziative di prevenzione del fenomeno dell’usura, inteso anche nelle sue forme meno incidenti, quali il sovraindebitamento e la mancanza di oculatezza nella gestione del denaro (educazione finanziaria).