La presente informativa è resa, anche ai sensi dell’art. 13 del D. Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (“Codice Privacy”) 
e degli artt. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679 (“GDPR”), a coloro che si collegano alla presente edizione online del giornale Tribuna Economica di proprietà di AFC Editore Soc. Coop. 

Leggi di più

L'Arabia Saudita ha deciso un aumento dei dazi doganali che a seconda dei prodotti va dal 5% fino al 25% sull'importazione di una vasta gamma di merci: prodotti alimentari, prodotti minerali e chimici, plastica, gomma, articoli in pelle, tessile e calzature, metalli di base,

cemento, ceramica, macchinari, attrezzature e materiale elettrico, giocattoli, mobili, veicoli e vari altri manufatti.

Tra i principali prodotti per cui saranno aumentati i dazi troviamo:Alimenti e Bevande come pollame e prodotti a base di carne,  gamberi e gamberi d'acqua fredda, latticini, succhi di frutta, yogurt, creme da latte, verdure e olio d'oliva:  i dazi doganali di questa tipologia di prodotti saranno aumentati dagli attuali livelli dello 0%, 5%, 12% e 20% al 6% e il 25%, a seconda del prodotto.

Materiali da costruzione come piastrelle, marmo, travertino e alabastro, tubi e fili elettrici e cavi: le aliquote del dazio doganale per questi prodotti saranno aumentate dalle aliquote attuali del 5% e del 12% ad aliquote comprese tra il 12% e il 15%. Veicoli come veicoli privati e veicoli di emergenza: l'aliquota del dazio doganale per questi prodotti può aumentare dall'aliquota attuale del 5% ad aliquote comprese tra il 5% e il 7%, a seconda del prodotto.

La Dogana saudita ha pubblicato l'elenco dei prodotti di cui sopra sul proprio sito. L'entrata in vigore dell’aumento dei dazi, inizialmente prevista per il 12 giugno, e’ stata successivamente rinviata a data da definire. (ICE RIYADH)