La presente informativa è resa, anche ai sensi dell’art. 13 del D. Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (“Codice Privacy”) 
e degli artt. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679 (“GDPR”), a coloro che si collegano alla presente edizione online del giornale Tribuna Economica di proprietà di AFC Editore Soc. Coop. 

Leggi di più

Per le piccole e medie imprese colpite dalla pandemia di COVID-19 di autofinanziarsi attraverso i 600 milioni di metica forniti dall'Istituto Nazionale di Sicurezza Sociale (INSS) dovrà pagare un tasso di interesse del 4%.Un comunicato stampa diffuso dall'istituzione

pubblica, a seguito dell'annuncio del governo, garantisce che l'importo sia già esistente e debba essere pagato dai richiedenti entro tre anni negoziabili.Gli interessi dovranno essere pagati semestralmente o annualmente, a seconda del contratto firmato tra i richiedenti e le banche e il capitale, ovvero l'importo da mettere a disposizione del cliente, sarà rimborsato dopo 36 mesi.

"Il tasso di interesse fisso è del 4 per cento, che varia ogni anno, a seconda degli aggiornamenti del tasso di cambio del sistema finanziario mozambicano, determinato dalla Banca centrale", sottolinea l'Istituto nazionale di previdenza sociale nella nota.L'istituto finanziario scelto per la concessione del finanziamento è il Banco Nacional de Investimentos (BNI) che, secondo l'INSS, ha presentato il miglior scenario di investimento, oltre al fatto che si tratta di un istituto bancario statale in materia e perché allineato con gli obiettivi del INSS."L'INSS garantisce che, quindi, gli interessi dei lavoratori sono ben tutelati, nella misura in cui il rischio in questo investimento è stato completamente trasferito alla banca in questione e, pertanto, la preoccupazione dell'INSS è di vedere l'importo ripristinato da quest'ultimo, alle condizioni e alle date da concordare, perché se i mutuatari non rimborsano l'importo, le perdite ricadono sulla Banca e non sull'INSS ”, spiega l'INSS.

Le obbligazioni sono registrate alla Borsa del Mozambico (BVM), che garantisce l'implementazione di meccanismi bancari tradizionali e affidabili, mitigando così i rischi intrinseci.“Pertanto, il credito sarà reso disponibile tramite BNI, a titolo di deposito, osservando i criteri considerati base dall'INSS, vale a dire: essere di piccole o medie dimensioni; essere iscritto al sistema di sicurezza sociale; anche con il sistema di sicurezza sociale, tra gli altri aspetti che la banca può prendere in considerazione nella sua politica ”, si legge nel comunicato stampa. (ICE MAPUTO)