La presente informativa è resa, anche ai sensi dell’art. 13 del D. Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (“Codice Privacy”) 
e degli artt. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679 (“GDPR”), a coloro che si collegano alla presente edizione online del giornale Tribuna Economica di proprietà di AFC Editore Soc. Coop. 

Leggi di più

Entrambe le società hanno riportato la scelta del nome. Nel paese diventerà la casa automobilistica con la più alta capacità produttiva. La nascita di Stellantis in tutto il mondo avrà un impatto locale. La conseguenza principale è che l'unione di FCA e Gruppo PSA 

creerà la casa automobilistica con la più grande capacità produttiva in Argentina.

Attualmente, Toyota è il terminal con il più alto potenziale di produzione e capacità per 140.000 unità. Il piano di Cordoba del marchio italo-americano è condizionato alla produzione di 100.000 veicoli all'anno. Lì se produce oggi la Fiat Cronos. Nel frattempo, la fabbrica Peugeot-Citroën nella periferia di Buenos Aires può richiedere fino a 160.000 km dalle sue linee di assemblaggio in due turni. I modelli Peugeot Partner, 308, 408 e la nuova 208 sono fabbricati in questo stabilimento, a cui vengono aggiunti Citroën Berlingo e C4 Lounge

.In altre parole, tra i due terminali sarebbero in grado di produrre circa 260.000 unità all'anno. Naturalmente, questo è un fatto teorico perché, in pratica, non stanno lavorando alla loro massima capacità, quindi la casa automobilistica giapponese rimarrà, per il momento, quella che guida la classifica di produzione. Ma, a loro volta, tenendo insieme il volume delle vendite di FCA e PSA, diventano il principale gruppo automobilistico nel paese in termini di vendite. Nel 2019 tutti i marchi della nuova Stellantis hanno aggiunto circa 60.000 unità brevettate mentre il gruppo Volkswagen, leader del mercato, contava circa 39.000 veicoli. In questo modo, la quota di mercato locale del nuovo colosso automobilistico è di circa il 25%Un altro elemento che deriva da questa fusione internazionale è riunire i protagonisti di un'azienda automobilistica che ha segnato un'era a livello locale come Sevel. Quell'azienda, appartenente al gruppo Socma della famiglia Macri, ha prodotto modelli dei due marchi negli anni '80 e '90.

Una delle differenze nell'attuale accordo rispetto alla società fondata dal padre dell'ex presidente, è che ha operato come una singola azienda (ha prodotto tutti i modelli nello stabilimento di El Palomar) mentre la nuova alleanza avrà due poli di produzione separati.

Questo è un altro elemento da prendere in considerazione poiché, quando sono iniziati i negoziati in Europa, alla fine del 2019, è stato chiarito che l'accordo ha cercato alcune sinergie ma che ha escluso la chiusura delle fabbriche, quindi il funzionamento delle due fabbriche nel paese è garantito, secondo l'interpretazione di tale dichiarazione. (ICE BUENOS AIRES)