La presente informativa è resa, anche ai sensi dell’art. 13 del D. Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (“Codice Privacy”) 
e degli artt. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679 (“GDPR”), a coloro che si collegano alla presente edizione online del giornale Tribuna Economica di proprietà di AFC Editore Soc. Coop. 

Leggi di più

SIMEST ha per mission il supporto alla crescita dimensionale e competitiva delle aziende italiane – soprattutto PMI -  sui mercati mondiali. Con SACE costituisce il Polo dell’export e dell’internazionalizzazione del Gruppo CDP e sostiene le aziende nazionali

nell’intero percorso di insediamento sui mercati esteri, con soluzioni tempestive e mirate a soddisfare le più diverse esigenze imprenditoriali.

I Finanziamenti agevolati per l’internazionalizzazione, gestiti da SIMEST a valere sul Fondo 394/81 per conto del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, sono lo strumento principe a disposizione dell’impresa per compiere i primi passi alla scoperta di nuovi mercati esteri. Ottenibili già completamente online, a un tasso molto basso, sono stati resi ancor più attraenti da recenti interventi normativi in risposta alla crisi economica post COVID-19.

Anzitutto, fino alla fine del 2020 sono accessibili senza prestazione di garanzie, il che rende disponibile le risorse per le imprese a 30-40 giorni dalla presentazione dell’istanza a SIMEST. Inoltre, una quota del finanziamento è a fondo perduto (attualmente il 40% ma entro l’estate sarà il 50%). Infine sono stati potenziati sia in termini di risorse a disposizione –a partire dal 7 luglio sono stati elevati gli importi richiedibili – sia di raggio d’azione – verrà a breve estesa l’operatività anche agli investimenti realizzati all’interno della UE, finora preclusi, verso i quali si dirige circa il 50% dell’export italiano.

Il ventaglio delle possibilità a disposizione è ampio, con risorse dedicate a coprire a 360 gradi tutte le diverse tipologie di spese che le aziende italiane affrontano per internazionalizzare il proprio business:

Patrimonializzazione. Per sostenere il livello di solidità patrimoniale delle imprese italiane che esportano all'estero e stimolare la competitività sui mercati internazionali. Importo massimo di €800 mila.

Partecipazione a Fiere, Mostre e Missioni di SistemaPer la partecipazione a fiere internazionali, mostre e missioni di sistema funzionali a promuovere il proprio business sui mercati internazionali. Importo massimo di €150mila.

Programmi di inserimento sui mercati esteri. Per la realizzazione di strutture commerciali, uffici o showroom in nuovi mercati di sviluppo, ampliando la propria presenza internazionale. Importo massimo di € 4 milioni.

Temporary Export Manager (TEM). Per l'inserimento temporaneo di una figura professionale specializzata nelle tematiche di export e internazionalizzazione, che possa sviluppare e potenziare il progetto di crescita internazionale. Importo massimo di € 150mila.

E-Commerce. Per accedere al mondo del commercio elettronico ed incrementare così le proprie vendite all'estero, sia direttamente con una piattaforma informatica di proprietà (importo massimo di € 450mila), sia indirettamente con l'adesione a marketplace forniti da soggetti terzi (importo massimo di € 300mila.

Studi di fattibilità. Per le spese di personale, viaggi e soggiorni necessari alla redazione di studi di fattibilità finalizzati a valutare l'opportunità di effettuare un investimento commerciale (importo massimo di € 200mila) o produttivo (importo massimo di €350mila) all'estero.

Programmi di assistenza tecnicaPer la formazione del personale in loco nelle iniziative di investimento all’estero (importo massimo 300mila).

 

(Assocamerestero: Contenuto editoriale a cura di SIMEST)