La presente informativa è resa, anche ai sensi dell’art. 13 del D. Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (“Codice Privacy”) 
e degli artt. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679 (“GDPR”), a coloro che si collegano alla presente edizione online del giornale Tribuna Economica di proprietà di AFC Editore Soc. Coop. 

Leggi di più

Con la modifica del Regolamento sugli investimenti del programma di sviluppo rurale 2014-2020 (PSR), il governo sloveno intende trasferire 21,7 milioni di euro di fondi non spesi alla parte agricola e alimentare, fondi che il Ministero dell'Agricoltura locale potrà utilizzare

per bandire gare d'appalto pubbliche a sostegno degli investimenti in agricoltura, cibo, silvicoltura. Si potrà così accelerare la ripresa dall’epidemia di coronavirus e garantire una produzione alimentare più stabile in Slovenia. In particolare, secondo il sito specializzato AgroBiznis, 11 milioni di euro dovrebbero essere dedicati alla produzione agricola primaria e al sostegno agli investimenti nelle aziende agricole; altri 7,7 milioni di euro andranno a elaborazione e marketing a favore della trasformazione, commercializzazione o sviluppo di prodotti agricoli mentre 3 milioni saranno invece destinati agli investimenti in tecnologie per l’irrigazione. Previsti investimenti anche per l'acquisto di nuovi macchinari e attrezzature la raccolta del legno.  (ICE LUBIANA)