La presente informativa è resa, anche ai sensi dell’art. 13 del D. Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (“Codice Privacy”) 
e degli artt. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679 (“GDPR”), a coloro che si collegano alla presente edizione online del giornale Tribuna Economica di proprietà di AFC Editore Soc. Coop. 

Leggi di più

I TWEET

Il ritmo delle esportazioni di minerali ferrosi dal Brasile è aumentato nel mese di luglio fino alla terza settimana, rispetto alla media giornaliera delle spedizioni dello stesso mese dell'anno scorso.  Fino al 17 giugno il Brasile ha esportato 20,6 milioni di tonnellate di

minerali ferrosi, con una media giornaliera di 1,58 milioni di tonnellate, contro 1,49 milioni nel luglio del 2019, quando il paese aveva chiuso il mese con un totale di 34,2 milioni di tonnellate. Secondo i dati del governo, il prezzo medio dei minerali ferrosi nel porto è ancora inferiore rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso; a luglio, il prodotto esportato è stato quotato a USD 68 per tonnellata, rispetto ai USD 62,7 di giugno.

Il Brasile ha chiuso la prima metà del 2020 con circa 145 milioni di tonnellate di minerali ferrosi esportati, rispetto ai 162,5 milioni di tonnellate nello stesso periodo nel 2019. (ICE SAN PAOLO)