La presente informativa è resa, anche ai sensi dell’art. 13 del D. Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (“Codice Privacy”) 
e degli artt. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679 (“GDPR”), a coloro che si collegano alla presente edizione online del giornale Tribuna Economica di proprietà di AFC Editore Soc. Coop. 

Leggi di più

I TWEET

Il valore delle esportazioni di prodotti ‘Made in Bahrain’ si è contratto del 12% nel mese di luglio, registrando un valore complessivo di 202 milioni di BD (533 milioni di dollari), 28 milioni in meno rispetto allo stesso periodo dello scorso anno. L’Arabia Saudita si è

posizionata prima tra i Paesi che importano prodotti bahreiniti, avendo acquistato merci per un valore pari a 40 milioni di BD dal Regno.

L’Oman al secondo posto  e la Malesia terza. Importando rispettivamente prodotti per un valore di 24 milioni di BD e 19 milioni di BD. L’alluminio grezzo è stato il prodotto maggiormente esportato nel mese di luglio per un valore complessivo di 41 milioni di BD.

Le esportazioni di leghe di alluminio grezzo occupano il secondo gradino del podio (con 32 milioni di BD), mentre la terza posizione è stata occupata dai minerali di ferro agglomerati e concentrati (19 milioni di BD).Il valore totale delle ri-esportazioni è diminuito del 46% rispetto allo scorso anno, facendo registrare un valore complessivo di 41 milioni di BD nel mese di luglio (il valore di riferimento del 2019 era di 76 milioni di BD). Tra i prodotti maggiormente ri-esportati si annoverano: parti di ricambio per aerei (al primo posto con un valore complessivo di 3.1 milioni di BD), vetture a trazione integrale (al secondo posto con un valore complessivo di 3 milioni di BD) e sigarette (al terzo posto con un valore complessivo di 2,6 milioni di dollari).

 Il saldo commerciale del Regno, ovvero la differenza tra esportazioni ed importazioni, ha fatto segnare un deficit di 135 milioni nel mese di luglio – registrando un decremento del 28% rispetto allo stesso periodo del 2019 (188 milioni di BD). Il valore delle importazioni è diminuito del 23%, raggiungendo i 378 milioni di BD nel mese di luglio 2020, rispetto ai 493 milioni di BD registrati a luglio 2019. La Cina si è classificata prima tra i paesi da cui il Bahrain importa, registrando un valore totale di 53 milioni di BD. L’Arabia Saudita è invece al secondo posto con 27 milioni e l’Australia terza con 23.

 I minerali di ferro non agglomerati e concentrati sono tra i prodotti maggiormente importati in Bahrain, per un valore complessivo di 27 milioni di BD. Al secondo posto si posiziona l’ossido di alluminio (con un valore di 21 milioni) e gli scambiatori di calore al terzo (con un valore complessivo di 10 milioni).  (ICE Doha)