La presente informativa è resa, anche ai sensi dell’art. 13 del D. Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (“Codice Privacy”) 
e degli artt. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679 (“GDPR”), a coloro che si collegano alla presente edizione online del giornale Tribuna Economica di proprietà di AFC Editore Soc. Coop. 

Leggi di più

I TWEET

Il Consiglio europeo ha recentemente autorizzato la firma di un accordo tra l'Unione europea (UE) e la Cina sulle indicazioni geografiche (IG), il primo della storia, una tappa significativa nel rafforzamento della cooperazione

economica e commerciale tra Cina e Unione Europea.

L'accordo proteggerà le 100 indicazioni geografiche di ciascuna parte, preverrà la contraffazione delle indicazioni geografiche e consentirà ai consumatori di entrambe le parti di acquistare prodotti autentici di alta qualità. Quattro anni dopo l'entrata in vigore, l'accordo coprirà altre 175 IG da entrambe le parti. Le IG cinesi avranno il diritto di utilizzare il marchio di certificazione ufficiale dell'UE, facilitando così l'esportazione di prodotti cinesi nell'UE e promuovendo il commercio bilaterale di prodotti agricoli e alimentari.