La presente informativa è resa, anche ai sensi dell’art. 13 del D. Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (“Codice Privacy”) 
e degli artt. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679 (“GDPR”), a coloro che si collegano alla presente edizione online del giornale Tribuna Economica di proprietà di AFC Editore Soc. Coop. 

Leggi di più

Il parlamento angolano ha approvato una proposta di legge che modifica la legge di sostenibilità delle finanze pubbliche. La proposta – si legge in una nota fatta circolare dall’ambasciata angolana a Roma – prevede la creazione in Parlamento del Comitato dei conti pubblici,

meccanismo che si inserisce nel rafforzamento dell’efficacia degli strumenti di gestione delle finanze pubbliche di medio termine, nonché nelle regole fiscali che concorrono all’attuazione della politica fiscale.

Con la proposta, il governo angolano intende rafforzare le regole che governano l’attuazione della politica fiscale, puntando sulla stabilizzazione macroeconomica e sulla sostenibilità delle finanze pubbliche.

Il ministro delle Finanze Vera Daves considera la legge un meccanismo legale a disposizione dell’esecutivo e dei parlamentari per monitorare il processo di consolidamento fiscale, con la definizione di regole fiscali chiare e concrete.

La legge, secondo il responsabile delle Finanze, è più esigente per quanto riguarda l’esercizio della produzione e la trasparenza della condivisione delle informazioni, con la produzione e pubblicazione di documenti da parte dell’esecutivo.

Il Parlamento angolano ha inoltre approvato la modifica della legge di base del settore imprenditoriale pubblico, che introduce l’elemento del “golden share”, per consentire allo Stato di salvaguardare gli interessi strategici in varie imprese senza creare danno al loro funzionamento (ICE LUANDA - info Africa)