La presente informativa è resa, anche ai sensi dell’art. 13 del D. Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (“Codice Privacy”) 
e degli artt. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679 (“GDPR”), a coloro che si collegano alla presente edizione online del giornale Tribuna Economica di proprietà di AFC Editore Soc. Coop. 

Leggi di più

I TWEET

RT @TribunaEconomic: Gli “ecco”, il giornalismo e la comunicazione di basso profilo abbinato allo smart working crogiolato https://t.co/MyU
RT @BartoliniCaccia: Gli “ecco”, il #giornalismo e la #comunicazione di basso profilo abbinato allo #smartworking crogiolato Ecco, ecco,…
Gli “ecco”, il giornalismo e la comunicazione di basso profilo abbinato allo smart working crogiolato https://t.co/MyUsNuwcr9
RT @BartoliniCaccia: Numero da non perdere. Molte tematiche e spunti. Ringrazio personalmente anche Federico Vasoli, #avvocato e managing…
Da Assocamerestero @TribunaEconomic intervista il Presidente della #CCIE di #Seoul Quale ambiente si deve attendere… https://t.co/JNfmd552Bx
RT @Itasean: Il #Vietnam 🇲🇦 dal passato alla #globalizzazione 🌍 . La caduta degli steccati ideologici e la diffusione della #tecnologia📲han…

Nell’ambito dell’Accordo di Cooperazione  Industriale, Scientifico e Tecnologico tra Italia e Israele la Direzione Generale per la Promozione del Sistema Paese del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale (MAECI) e l’ Israeli Innovation Authority hanno

 pubblicato un bando per la raccolta e la selezione di progetti congiunti di ricerca e innovazione industriale ammissibili a sostegno finanziario fino al 50% dei costi documentati in ricerca e sviluppo.

Il Bando è indirizzato  a soggetti industriali, imprese che conducono attività di ricerca e sviluppo, associazioni di imprese,  università o  centri di ricerca purché associati ad un soggetto industriale.

I progetti di Ricerca e Sviluppo congiunti italo-israeliani possono essere presentati nelle seguenti aree:  medicina, biotecnologie, salute pubblica e organizzazione ospedaliera; agricoltura e scienze dell’alimentazione; applicazioni dell’informatica nella formazione e nella ricerca scientifica;  ambiente, trattamento delle acque;  nuove fonti di energia, alternative al petrolio e sfruttamento delle risorse naturali;  innovazioni dei processi produttivi; tecnologie dell’informazione, comunicazioni di dati, software, sicurezza cibernetica; spazio e osservazioni della terra; qualunque altro settore di reciproco interesse. 

Le candidature da presentare congiuntamente in Italia e in Israele  potranno pervenire entro e non oltre il 25 novembre 2020. (Farnesina)