La presente informativa è resa, anche ai sensi dell’art. 13 del D. Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (“Codice Privacy”) 
e degli artt. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679 (“GDPR”), a coloro che si collegano alla presente edizione online del giornale Tribuna Economica di proprietà di AFC Editore Soc. Coop. 

Leggi di più

I TWEET

RT @TribunaEconomic: Gli “ecco”, il giornalismo e la comunicazione di basso profilo abbinato allo smart working crogiolato https://t.co/MyU
RT @BartoliniCaccia: Gli “ecco”, il #giornalismo e la #comunicazione di basso profilo abbinato allo #smartworking crogiolato Ecco, ecco,…
Gli “ecco”, il giornalismo e la comunicazione di basso profilo abbinato allo smart working crogiolato https://t.co/MyUsNuwcr9
RT @BartoliniCaccia: Numero da non perdere. Molte tematiche e spunti. Ringrazio personalmente anche Federico Vasoli, #avvocato e managing…
Da Assocamerestero @TribunaEconomic intervista il Presidente della #CCIE di #Seoul Quale ambiente si deve attendere… https://t.co/JNfmd552Bx
RT @Itasean: Il #Vietnam 🇲🇦 dal passato alla #globalizzazione 🌍 . La caduta degli steccati ideologici e la diffusione della #tecnologia📲han…

Secondo quanto è stato comunicato dal commissario del governo responsabile per gli acquisti militari, il Governo è in trattative con diversi produttori dell’industria militare e sono previsti ulteriori investimenti in Ungheria nel settore. Nel 2019 è stata annunciata la costruzione di

uno stabilimento di componenti per elicotteri a Gyula, da parte dell’Airbus Helicopters, in partnership con il Governo Ungherese. La produzione inizierà nel 2021.

Nel 2018 è stata stabilita una fabbrica di armi leggere a Kiskunfélegyháza che produce carabine, mitre ed armi da fuoco a mano, con le licenze della Česká zbrojovka. Recentemente è stato annunciato l’avvio di una collaborazione tra la Rheinmetall, che ha scelto l’Ungheria per la costruzione della nuova unità di produzione di veicoli da combattimento. Oltre all’ordine di 218 veicoli Lynx per le forze armate ungheresi, la società tedesca ha optato per l’Ungheria a causa del favorevole sistema di incentivi governativi per lo sviluppo dell’industria militare. Il settore è considerato uno dei mezzi per diversificare l’industria del Paese. (ICE BUDAPEST)