La presente informativa è resa, anche ai sensi dell’art. 13 del D. Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (“Codice Privacy”) 
e degli artt. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679 (“GDPR”), a coloro che si collegano alla presente edizione online del giornale Tribuna Economica di proprietà di AFC Editore Soc. Coop. 

Leggi di più

I TWEET

SUV @citroenitalia C5 Aircross Hybrid: esperienza di comfort ai massimi livelli https://t.co/yK5jxK3eaD via @TribunaEconomic
#Lombardia: calo del fatturato di oltre il 70%. A rischio 6mila imprese e 8mila posti di lavoro https://t.co/9N4VQXEP4j via @TribunaEconomic
@bancaditalia . L'economia globale recupera ma le prospettive dipendono dalla #pandemia . In Italia riprendono gli… https://t.co/1kVsYKGZsL

Il numero di fallimenti aziendali durante la pandemia di coronavirus è diminuito rispetto allo stesso periodo del 2019, secondo le stime del Ministero lussemburghese delle classi medie. Da marzo ad agosto 2020 il numero dei fallimenti aperti è stato pari a 513 contro

i 663 negli stessi mesi del 2019, ovvero 150 fallimenti in meno. Il settore più colpito è stato quello delle attività finanziarie e assicurative con un totale di 200 fallimenti aperti. Il settore alberghiero e della ristorazione ha registrato 35 insolvenze, mentre gli esercizi commerciali falliti sono stati 89. Questo dato potrebbe essere stato influenzato dalle misure governative di sostegno alle imprese dall'inizio della pandemia che hanno temporaneamente ritardato gli effetti della crisi economica. (ICE BRUXELLES)