La presente informativa è resa, anche ai sensi dell’art. 13 del D. Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (“Codice Privacy”) 
e degli artt. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679 (“GDPR”), a coloro che si collegano alla presente edizione online del giornale Tribuna Economica di proprietà di AFC Editore Soc. Coop. 

Leggi di più

I TWEET

L’economia slovena guarirà più velocemente rispetto alla media UE una volta superata la crisi epidemiologica. E’ quanto ha dichiarato il Ministro dello Sviluppo economico Zdravko Počivalšek nel corso della 7a Conferenza degli Esportatori Sloveni, organizzata a Brdo pri Kranju

dal quotidiano economico Finance. Počivalšek ha rilevato che la Slovenia è uno dei pochi Paesi che ha un’eccedenza nell’interscambio con la Germania, esortando a diversificare maggiormente l’export. L’economista Sašo Polanec ha detto che i prossimi mesi non porteranno ad un “naufragio” dell’economia, anche se si attendono difficoltà in alcuni settori. Bojan Ivanc della Camera del Commercio e dell’Industria (GZS) ha previsto che per tornare ai livelli macroeconomici del 2019 si dovrà attendere la prima metà del 1922.

Dal punto di vista delle esportazioni, il comparto servizi si trova in una situazione migliore rispetto a quello delle merci. Il presidente del CdA della Banca SID Sibil Svilan ha segnalato i cambiamenti avvenuti nella struttura delle esportazioni: negli ultimi anni la percentuale dei prodotti lavorati è diminuita il che, a suo avviso, è conseguenza anche della diminuzione generale degli investimenti. (ICE LUBIANA)