La presente informativa è resa, anche ai sensi dell’art. 13 del D. Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (“Codice Privacy”) 
e degli artt. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679 (“GDPR”), a coloro che si collegano alla presente edizione online del giornale Tribuna Economica di proprietà di AFC Editore Soc. Coop. 

Leggi di più

I TWEET

Negli ultimi anni è cresciuto l'interesse delle aziende cinesi ad entrare nel settore elettrico cileno. L'anno scorso, la Chinese State Grid International Development Limited ha acquistato il distributore Chilquinta per 2,2 miliardi di dollari, portando a compimento

il più grande investimento estero dell'anno in Cile.Inoltre, nel 2017 la seconda più grande azienda elettrica cinese, China Southern Power, si è aggiudicata il 28% del trasmettitore Transelec, un'operazione del valore di 1,3 miliardi di dollari.Ma nella generazione, dove oggi lo sviluppo è segnato dalla diffusione sempre piè ampia di impianti solari ed eolici, l'atteggiamento cinese è stato più cauto. 

Ora i rappresentanti del China Energy Engineering Group International, di proprietà statale, hanno incontrato il sottosegretario all'energia, Francisco López, come riportato sul sito web ministeriale in ossequio alla legge sulle Lobby. L'azienda cinese, che opera sotto la direzione pubblica di SASAC, è interessata a partecipare alle gare per progetti energetici in Cile. China Energy Engineering Group è un grande conglomerato, leader nazionale e internazionale nell'ingegneria energetica, con un marchio riconosciuto nel settore energetico in Cina e con grandi progetti di produzione di energia sia da fonti fossili  (combustione di carbone e gas) che rinnovabili (solare, eolico e biomasse). La società è inoltre presente nel settore delle linee di trasmissione e nel segmento della distribuzione; così come nel trattamento e fornitura di acqua e desalinizzazione (ICE SANTIAGO)