La presente informativa è resa, anche ai sensi dell’art. 13 del D. Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (“Codice Privacy”) 
e degli artt. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679 (“GDPR”), a coloro che si collegano alla presente edizione online del giornale Tribuna Economica di proprietà di AFC Editore Soc. Coop. 

Leggi di più

I TWEET

@bancaditalia . L'economia globale recupera ma le prospettive dipendono dalla #pandemia . In Italia riprendono gli… https://t.co/1kVsYKGZsL
Rebibbia Festival e streaming dal Gemelli. Due appuntamenti ricorrenti della @romacinemafest https://t.co/NFTBj4hUaq via @TribunaEconomic
#Bankitalia. L'economia globale recupera ma le prospettive dipendono dalla #pandemia . In #Italia riprendono gli s… https://t.co/oxwmmV4AR0

Dal 2012, l’energia solare si inserisce tra le fonti che hanno registrato i maggiori indici di crescita nel paese, spinta dalla “Risoluzione Normativa n.482” - https://www2.aneel.gov.br/arquivos - dell'Agenzia Nazionale per l'Energia Elettrica - Aneel, che ha permesso

ai consumatori di scambiare l'energia generata con quella della rete elettrica. Conseguenza della norma è stato il lancio governativo di aste statali e federali per la costruzione di impianti solari, a partire dal 2013. A causa della rapida evoluzione del settore, il costo di generazione ha subito da allora, flessioni annuali, registrando negli ultimi dieci anni una riduzione del 85 %, associata all'espansione della nazionalizzazione della produzione e ai programmi di esenzione delle imposte dal governo. In tale modo, nonostante la pandemia, il settore è cresciuto nel paese del 45% in numero di installazioni, nella prima metà del 2020, generando 47mila nuovi posti di lavoro per l'intero settore e per diverse specialità professionali. Il settore rappresenta un’importante  leva per l'economia brasiliana, registrando dal 2012 più di 190 mila posti di lavoro.

Gli investimenti del settore privato ammontano dal 2012, a 33 miliardi di reais, con 6,4 gigawatt (GW) di potenza operativa, nonostante rappresentino poco meno di 2% della capacità operativa nel paese.La tecnologia è molto competitiva e in grado di produrre energia a prezzi inferiori rispetto a quella acquistata direttamente dai consumatori da terzi. L'elevata competitività abbinata all'apertura di nuove linee di finanziamento permettono l'offerta dell'energia solare anche alla popolazione a basso reddito. Le autorità del settore studiano l’installazione di tali sistemi nelle abitazioni del programma “Casa Verde e Amarela”-  https://www.gov.br/mdr/pt-br/assuntos/habitacao/casa-verde-e-amarela-, annunciato nel mese di agosto in sostituzione al vecchio programma “Minha Casa, Minha Vida” - https://www.caixa.gov.br/voce/habitacao/minha-casa-minha-vida/.

Ad agosto, il governo federale ha deciso di azzerare le imposte d’importazione per varie apparecchiature e prodotti dell’energia solare, con durata fino alla fine del 2021. Con la riforma fiscale in fasi di analisi, il governo studia l'applicazione della “tassa green” che mira a ridurre le emissioni di carbonio in atmosfera, frenare il riscaldamento globale, e ridurre la deforestazione nel paese. In tale modo, i fondi derivati da tale misura, saranno destinati a favorire la generazione dell’energia solare nel paese, e all’inclusione dell’energia solare nella popolazione che vive nelle case popolari. Per un’abitazione popolare, è possibile costruire un sistema com meno di 5 mila reais, riducendo del 70% il consumo dell’energia elettrica, favorendo le famiglie a basso reddito più vulnerabili che sono state fortemente colpite dalla pandemia.   (ICE SAN PAOLO)