La presente informativa è resa, anche ai sensi dell’art. 13 del D. Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (“Codice Privacy”) 
e degli artt. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679 (“GDPR”), a coloro che si collegano alla presente edizione online del giornale Tribuna Economica di proprietà di AFC Editore Soc. Coop. 

Leggi di più

I TWEET

@FinestPN ha distribuito utili afferenti all’esercizio 2019 pari a 132,7mila euro https://t.co/I0uOByl4PN’esercizi… https://t.co/SilPDRScyn
RT @BartoliniCaccia: Il #gregge di #pecore e la “#bomba” #pandemica Come un gregge impazzito. Appena il ci danno liberà siamo un popolo fuo…
Risoluzione bancaria nell’Ue: l’informativa sui rischi relativi al 2019 adeguata, ma potenziali rischi per il futur… https://t.co/Al7bqTXk4I

Secondo la relazione sugli investimenti diretti esteri pubblicata dalla Banca Centrale del Montenegro, la Cina tiene il primo posto con 70 milioni di euro di investimenti diretti; il totale degli investimenti diretti per i primi 8 mesi dell'anno corrente ammonta a 468 milioni di euro,

rispetto ai 515 milioni dello stesso periodo dell'anno scorso; gli investimenti cinesi si basano su investimenti nelle società montenegrine o il loro acquisto, l’acquisto dei beni immobili, e su cosiddetto debito inter-società, cioè crediti delle società cinesi alle società montenegrine; i dati precisi non sono disponibili perché sono classificati come segreti; la Commissione Europea ha più volte espresso preoccupazione per la crescita degli investimenti cinesi in Montenegro e nella regione; anche il Commissario Varhelyi recentemente aveva espresso la preoccupazione per gli effetti socio-economici e finanziari che gli investimenti cinesi possono avere nella regione; al secondo posto, ma molto lontana dalla Cina, si trova l'Italia con 43,3 milioni di euro; secondo i dati della Banca centrale, 7,9 milioni di euro sono crediti delle società italiane, mentre il restante importo di circa 35,4 milioni di euro è stato classificato come un segreto, e riguarda gli investimenti nelle società nazionali e nelle banche, nonché l'acquisto dei beni immobili; gli investimenti diretti dell'Italia hanno una crescita significativa rispetto all'anno scorso, quando ammontavano a soli 6,7 milioni di euro; al terzo posto si trova la Russia che l'anno scorso occupava il primo posto; gli investimenti nei primi 8 mesi di quest'anno che sono arrivati dalla Russia ammontano a 42,5 milioni di euro, di cui 15 milioni di crediti, 14,4 milioni di acquisto dei beni immobili, e restanti 13 milioni sono investimenti nelle società e nelle banche montenegrine; al quarto posto si trova la Svizzera con 37,3 milioni di euro di investimento diretti. (ICE PODGORICA - AMBASCIATA D’ITALIA A PODGORICA)