La presente informativa è resa, anche ai sensi dell’art. 13 del D. Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (“Codice Privacy”) 
e degli artt. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679 (“GDPR”), a coloro che si collegano alla presente edizione online del giornale Tribuna Economica di proprietà di AFC Editore Soc. Coop. 

Leggi di più

I TWEET

@FinestPN ha distribuito utili afferenti all’esercizio 2019 pari a 132,7mila euro https://t.co/I0uOByl4PN’esercizi… https://t.co/SilPDRScyn
RT @BartoliniCaccia: Il #gregge di #pecore e la “#bomba” #pandemica Come un gregge impazzito. Appena il ci danno liberà siamo un popolo fuo…
Risoluzione bancaria nell’Ue: l’informativa sui rischi relativi al 2019 adeguata, ma potenziali rischi per il futur… https://t.co/Al7bqTXk4I

Nel 2019 l’indebitamento netto delle Amministrazioni Pubbliche (-28.650 milioni di euro) è stato pari al 1,6% del Pil, in diminuzione di circa 10,3 miliardi rispetto al 2018 (-38.997 milioni di euro, corrispondente al 2,2% del Pil). Il saldo primario (indebitamento netto al netto della spesa

per interessi) è risultato positivo e pari all’1,8% del Pil, con una crescita di 0,4 punti percentuali rispetto al 2018. La spesa per interessi, che secondo le attuali regole di contabilizzazione non comprende l’impatto delle operazioni di swap , è stata pari al 3,4% del Pil, con una diminuzione di 0,2 punti percentuali rispetto al 2018.

I dati del debito delle Amministrazioni Pubbliche per gli anni 2016-2019 sono quelli pubblicati dalla Banca d’Italia e sono anch’essi coerenti con il Sistema Europeo dei Conti (Sec 2010). A fine 2019 il debito pubblico, misurato al lordo delle passività connesse con gli interventi di sostegno finanziario in favore di Stati Membri della UEM, era pari a 2.409.904 milioni di euro (134,7% del Pil). Rispetto al 2018 il rapporto tra il debito delle AP e il Pil è aumentato di 0,3 punti percentuali.