La presente informativa è resa, anche ai sensi dell’art. 13 del D. Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (“Codice Privacy”) 
e degli artt. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679 (“GDPR”), a coloro che si collegano alla presente edizione online del giornale Tribuna Economica di proprietà di AFC Editore Soc. Coop. 

Leggi di più

I TWEET

Prosegue l’orientamento molto accomodante della politica monetaria #BCE https://t.co/RsY0LJOFrR
@cortilia : nuovo round da 34 milioni e trasformazione in Società Benefit https://t.co/AMXaCHCntn via @TribunaEconomic
@IKN_Italy #greenlab, appuntamento che tratterà di “Smart Mobility & Smart Life, tecnologie e modelli di sostenib… https://t.co/iEn7skR7rJ
Accordo @MediocreditoC @ANFIA_it per l’accesso al credito delle imprese dell’#automotive https://t.co/QpEi9iGtFl’… https://t.co/rhcljtobcI

Si è svolta in forma digitale, la terza edizione del Sectorial Business Outlook della Camera di Commercio Italo-Germanica (AHK Italien). In apertura dell’evento, sono stati presentati i risultati della survey condotta tra le aziende

socie e dedicata alle prospettive di business delle imprese tedesche in Italia per il 2021.

Dall’indagine emerge un clima di cauto ottimismo circa la percezione delle condizioni economiche attuali delle singole aziende: sono infatti i due terzi (66%) dei rispondenti a valutare la propria situazione come “soddisfacente”. Dopo un 2020 molto incerto, buona parte delle aziende (42%) si aspetta inoltre una crescita del proprio business nel prossimo anno.

Emerge, tuttavia, una sfiducia maggiore circa le prospettive di sviluppo della congiuntura del Paese per il 2021; se il 42% delle aziende rispondenti si aspetta un contesto “soddisfacente”, una porzione altrettanto ampia del campione si prepara invece a una congiuntura negativa nei prossimi mesi. La medesima cautela si osserva anche nelle previsioni di ripresa espresse dalle imprese: anche a fronte di una quota consistente dei rispondenti (34%) che si aspetta una ripresa più rapida, già entro il prossimo anno, la maggior parte delle aziende (64%) guarda al 2022 o persino oltre. In generale, le dinamiche specifiche innescate dalla crisi sanitaria in ciascun settore e le diverse capacità e tempistiche di risposta da parte dei singoli comparti stanno dando vita a una “K-shaped recovery”, nella quale le porzioni dell’economia ripartono con velocità, intensità e tassi di crescita diversi.

Nonostante la complessità della congiuntura, restano in larga parte positivi i segnali sul fronte degli investimenti e del livello occupazionale, che rimarranno costanti per quasi il 60% delle aziende (rispettivamente, 59% e 56%).

Il principale fattore di rischio segnalato dalle imprese italo-tedesche è rappresentato dal calo della domanda, che è legato a sua volta alle ripercussioni della crisi sanitaria; a seguire, tra i rischi percepiti con maggior urgenza, si registrano quelli riconducibili alle scelte politico-economiche nazionali e agli alti costi del lavoro.

La survey rileva infine che, alle ripercussioni della pandemia, le aziende reagiscono puntando sulla digitalizzazione (73%) e sulla diversificazione delle catene di approvvigionamento (50%). Nella rimodulazione delle catene del valore e ricerca di nuovi fornitori, i rispondenti (86%) dichiarano di prendere in considerazione soprattutto la Germania e gli altri Paesi europei.