La presente informativa è resa, anche ai sensi dell’art. 13 del D. Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (“Codice Privacy”) 
e degli artt. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679 (“GDPR”), a coloro che si collegano alla presente edizione online del giornale Tribuna Economica di proprietà di AFC Editore Soc. Coop. 

Leggi di più

I TWEET

@Beko fornisce elettrodomestici per gli appartamenti di Fondazione Arché https://t.co/Hz3cmwbXA5 via @TribunaEconomic
Al via la nuova operatività strategica di @SACEgroup “green” https://t.co/WmuPaFsPOz“green”.html via @TribunaEconomic
-70,4% per le spese dei viaggiatori stranieri in Italia a ottobre 2020 https://t.co/A13xgSsv6b
#Riscaldamento degli #oceani: nel 2020 innalzato da un calore prodotto equivalente a 630 miliardi di… https://t.co/PpzzgdlQyL

Le banche centrali e le agenzie di regolamentazione in vari Paesi, compresa la Cina, stanno prestando sempre maggiore attenzione alla valuta digitale. Stando a un rapporto pubblicato dalla Bank for International Settlements (BIS), un’istituzione finanziaria internazionale di proprietà delle

banche centrali, a metà luglio scorso, almeno 36 istituti centrali in tutto il mondo hanno rilasciato piani per il lancio di una valuta digitale.

L’epidemia da COVID-19 ha aumentato la domanda di transazioni digitali. Inoltre, la valuta digitale consente un’allocazione mirata di fondi di soccorso per il Coronavirus. Zhou Maohua, analista al dipartimento dei mercati finanziari della China Everbright Bank, ha affermato che le valute digitali possono anche aiutare a ridurre i costi di gestione sociale, nonché i costi generati dall’emissione e dalla circolazione della tradizionale valuta cartacea, rendendo il processo di pagamento più sicuro, più conveniente ed efficiente.