La presente informativa è resa, anche ai sensi dell’art. 13 del D. Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (“Codice Privacy”) 
e degli artt. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679 (“GDPR”), a coloro che si collegano alla presente edizione online del giornale Tribuna Economica di proprietà di AFC Editore Soc. Coop. 

Leggi di più

I TWEET

@Beko fornisce elettrodomestici per gli appartamenti di Fondazione Arché https://t.co/Hz3cmwbXA5 via @TribunaEconomic
Al via la nuova operatività strategica di @SACEgroup “green” https://t.co/WmuPaFsPOz“green”.html via @TribunaEconomic
-70,4% per le spese dei viaggiatori stranieri in Italia a ottobre 2020 https://t.co/A13xgSsv6b
#Riscaldamento degli #oceani: nel 2020 innalzato da un calore prodotto equivalente a 630 miliardi di… https://t.co/PpzzgdlQyL

Un piano che mette insieme il ruolo centrale dei consumi domestici con l’apertura al mercato internazionale. Il nuovo modello di sviluppo della Cina a “doppia circolazione” fornirà il motore per il futuro successo economico del Paese e potrebbe annunciare una nuova era della globalizzazione.

Stephen Roach, uno dei maggiori economisti statunitensi e senior fellow del Jackson Institute for Global Affairs alla Yale University, lo ha definito un “concetto strategico molto importante”. “Sottolinea l'attenzione della Cina sugli elementi interni ed esterni della sua strategia di crescita”, ha affermato.

“Il successo sarà misurato in base a come queste due fonti di sostegno lavoreranno insieme piuttosto che in modo isolato l’una dall’altra”. Edward Tse, CEO e fondatore di Gao Feng Advisory, società di consulenza manageriale, ritiene che la doppia circolazione sia un concetto che abbraccia pienamente l’emergere della “globalizzazione 2.0”. La globalizzazione 1.0, ha detto, è stata l'era del Made in China in cui la Cina era il centro dell'offerta, mentre ora, con un nuovo, enorme, gruppo a reddito medio, la nazione è centro della domanda e dell'offerta.