La presente informativa è resa, anche ai sensi dell’art. 13 del D. Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (“Codice Privacy”) 
e degli artt. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679 (“GDPR”), a coloro che si collegano alla presente edizione online del giornale Tribuna Economica di proprietà di AFC Editore Soc. Coop. 

Leggi di più

I TWEET

Scenario economico romeno e futuro dei rapporti con il nostro Paese. I principali temi dell'intervista di… https://t.co/LuvnTpmEwh
Primo portafoglio acquistato da #AMCO composto da crediti deteriorati di #BancaCarige https://t.co/H1hkkrGnJv via @TribunaEconomic
46 miliardi di Risorse Mobilitate, l’impegno di @SACEgroup a sostegno del #SistemaPaese https://t.co/NLaTjfoJB6’im… https://t.co/js1pybEMYn

Secondo i dati pubblicati dall'istituto nazionale di Statistica (INS) la retribuzione lorda media a Novembre 2020 è stata di 5.565 lei (circa 1.142,73 euro al corso BNR di novembre), un aumento di 113 lei(+2.1%) rispetto ad Ottobre 2020, mentre la retribuzione netta media è stata

di 3.411 lei (circa 700,4 euro), 68 lei(+2%) rispetto al mese precedente. Il più alto stipendio netto medio si e registrato nel settore servizi di tecnologia dell’informazione, rispettivamente 8.273 lei (circa 1.698,8 euro), mentre il più basso si e registrato nel settore alberghiero e della ristorazione, pari a 1.668 lei (circa 342,5euro). I settori nei quali la retribuzione netta media ha registrato un aumento sono: lavorazione dei prodotti di tabacco +10,6 %, produzione di veicoli per il trasporto su strada, rimorchi e semirimorchi +10,3%, veicoli per trasporto marittimo +7,3%.

Nei settori della fabbricazione di prodotti da cokeria, prodotti ottenuti dalla lavorazione del petrolio greggio, fabbricazione di apparecchiature elettriche, fabbricazione di sostanze e prodotti chimici, fabbricazione di prodotti in plastica e gomma, attività di servizi nella tecnologia dell’informazione si son registrati aumenti che variano dal 7% al 9%. Lievi aumenti in percentuale nei salari medi, tra il 4,5 ed il 7% nelle attività di produzione cinematografica, televisiva, attività di editing musicale, produzione tessile, attività di corriere, attività ausiliarie per i trasporti.

Inoltre, attività di intermediazione finanziaria, assicurazioni e fondo pensione, telecomunicazioni, ricerca e sviluppo, raccolta trattamento e smaltimento dei rifiuti hanno subito un aumento tra il 2,5% ed il 4%. Infine, sono stati registrati aumenti in ambito della sanità e assistenza sociale +1,9% ed istruzione +1,3%. Per quanto riguarda la pubblica amministrazione, i salari medi netti hanno subito un decremento dello -0,9%. Gli aumenti in Novembre 2020 sono dovuti alla concessione di bonus occasionali (trimestrali, annuali, tredicesima, prestazioni speciali), aiuti monetari e profitti derivanti da attività finanziarie.  (ICE BUCAREST)