La presente informativa è resa, anche ai sensi dell’art. 13 del D. Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (“Codice Privacy”) 
e degli artt. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679 (“GDPR”), a coloro che si collegano alla presente edizione online del giornale Tribuna Economica di proprietà di AFC Editore Soc. Coop. 

Leggi di più

I TWEET

L’integrazione di #ubibanca in #ISP è confermata per il mese di aprile https://t.co/NhSoHXImoY’integrazione-di-ubi… https://t.co/tTrUbSJEVy
@g20org . Maggior trasparenza sul debito per favorire i flussi finanziari verso i paesi in via di sviluppo https://t.co/DljGgSS4Ad
#BCE Interessi attivi netti sui titoli detenuti per finalità di politica monetaria si collocano a 1,3mld di euro (… https://t.co/ZpXI3EtX45
Focalizzazione delle aziende nelle filiere di fornitura parallela. Intervista #DimitrijTitov, Presidente Camera di… https://t.co/Btr307fZxD

In Germania le energie rinnovabili hanno conosciuto un anno record nel 2020, per quanto riguarda i rendimenti da investimenti. E questo trend ha coinvolto anche i grandi investitori istituzionali. "Dal punto di vista del rischio, gli investimenti nelle energie rinnovabili sono diventati sempre

più attraenti", dice Markus W. Voigt, CEO di AREAM Group, un fondo di investimento tedesco specializzato in energie rinnovabili. I numeri lo confermano: nel 2020 gli impianti eolici hanno fornito un rendimento di circa l'1,5% in più rispetto all'obiettivo iniziale, mentre i parchi fotovoltaici si sono avvicinati  a un tasso di raggiungimento dell'obiettivo del 100%.

Nel corso dell'anno, tuttavia, vi sono stati alcuni trend contrastanti. "Per esempio a febbraio 2020 (prima cioè dell’inizio della pandemia da Covid19 nda) il rendimento da impianti eolici è stato così significativamente sopra l'obiettivo iniziale che il successivo calo, soprattutto nei mesi estivi, è stato completamente compensato dal guadagno iniziale", ha detto Voigt. Un ottobre forte ha poi fornito un cuscinetto sufficiente per compensare i mesi di novembre e dicembre, inaspettatamente deboli, e per uscire dall’anno con un complessivo +1,5%. (ICE BERLINO)