La presente informativa è resa, anche ai sensi dell’art. 13 del D. Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (“Codice Privacy”) 
e degli artt. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679 (“GDPR”), a coloro che si collegano alla presente edizione online del giornale Tribuna Economica di proprietà di AFC Editore Soc. Coop. 

Leggi di più

I TWEET

L’integrazione di #ubibanca in #ISP è confermata per il mese di aprile https://t.co/NhSoHXImoY’integrazione-di-ubi… https://t.co/tTrUbSJEVy
@g20org . Maggior trasparenza sul debito per favorire i flussi finanziari verso i paesi in via di sviluppo https://t.co/DljGgSS4Ad
#BCE Interessi attivi netti sui titoli detenuti per finalità di politica monetaria si collocano a 1,3mld di euro (… https://t.co/ZpXI3EtX45
Focalizzazione delle aziende nelle filiere di fornitura parallela. Intervista #DimitrijTitov, Presidente Camera di… https://t.co/Btr307fZxD

Il responsabile della compagnia locale di estrazione mineraria Minera Panamá SA - Keith Green -, controllata della ditta canadese First Quantum Minerals Ltd. che gestisce le attività di produzione di rame del progetto Cobre Panama, ha annunciato che possibilmente la

durata della concessione del progetto si estenderà ulteriormente sino a 70 anni, a seguito della scoperta di tre nuovi giacimenti che sono stati identificati con i nomi di Balboa, Botija Abajo e Río Medio, e che consentiranno di elevare il volume di esportazioni annue dalle iniziali 320mila a 400mila tonnellate di concentrato di rame.In proposito, il rappresentante della società ha evidenziato che a causa delle limitazioni alla mobilità e alle difficoltà operative provocate dalla crisi da Covid-19, la sua impresa è stata costretta a rivedere i propri programmi, riducendo la sua produzione a 210mila tonnellate, che comunque sta gradualmente ripristinando grazie alla riattivazione dell’economia del Paese.Il progetto - con un investimento iniziale di 6,7 miliardi di USD - ha come obiettivo lo sviluppo della miniera di rame a cielo aperto Cobre Panama, localizzata a 120 chilometri ad ovest di Ciudad de Panamá e a 20 chilometri dalla costa del Mar dei Caraibi, nel distretto di Donoso, provincia di Colón, e apporta all’economia panamense 3,6 miliardi di USD e contribuisce alla formazione del PIL nazionale nella misura del 3,5%. (ICE CARACAS)