La presente informativa è resa, anche ai sensi dell’art. 13 del D. Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (“Codice Privacy”) 
e degli artt. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679 (“GDPR”), a coloro che si collegano alla presente edizione online del giornale Tribuna Economica di proprietà di AFC Editore Soc. Coop. 

Leggi di più

I TWEET

Scenario economico romeno e futuro dei rapporti con il nostro Paese. I principali temi dell'intervista di… https://t.co/LuvnTpmEwh
Primo portafoglio acquistato da #AMCO composto da crediti deteriorati di #BancaCarige https://t.co/H1hkkrGnJv via @TribunaEconomic
46 miliardi di Risorse Mobilitate, l’impegno di @SACEgroup a sostegno del #SistemaPaese https://t.co/NLaTjfoJB6’im… https://t.co/js1pybEMYn

Sotto la supervisione del primo ministro dell’Autorità nazionale palestinese (Anp), Mohammed Shtayyeh, il governo di Ramallah – rappresentato dal ministro dell’Economia Khaled al Asaily – ha siglato ieri con il governo del Regno Unito – rappresentato dal console generale britannico Philip Hall

– un accordo di cooperazione per il sostegno al commercio palestinese, il rafforzamento del ruolo del settore privato e della competitività dei prodotti palestinesi sui mercati globali. In base all’accordo, l’ufficio del ministero degli Esteri e dello sviluppo britannico fornirà una somma massima pari a 15 milioni di sterline (circa 17,2 milioni di euro) tramite un nuovo programma per agevolare il commercio e sostenere le dogane. Secondo l’intesa, l’Ufficio della diplomazia di Londra per lo sviluppo coopererà con il ministero dell’Economia palestinese per definire il nuovo programma, allo scopo di realizzarne la visione e gli obiettivi. (ICE AMMAN - Agenzia Nova)