La presente informativa è resa, anche ai sensi dell’art. 13 del D. Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (“Codice Privacy”) 
e degli artt. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679 (“GDPR”), a coloro che si collegano alla presente edizione online del giornale Tribuna Economica di proprietà di AFC Editore Soc. Coop. 

Leggi di più

I TWEET

Scenario economico romeno e futuro dei rapporti con il nostro Paese. I principali temi dell'intervista di… https://t.co/LuvnTpmEwh
Primo portafoglio acquistato da #AMCO composto da crediti deteriorati di #BancaCarige https://t.co/H1hkkrGnJv via @TribunaEconomic
46 miliardi di Risorse Mobilitate, l’impegno di @SACEgroup a sostegno del #SistemaPaese https://t.co/NLaTjfoJB6’im… https://t.co/js1pybEMYn

Il Ministero dell’Economia e delle Finanze ha comunicato i dettagli dell’emissione della prima tranche del BTP Green, il nuovo titolo di Stato dedicato al finanziamento delle spese sostenute dallo Stato a positivo impatto ambientale, con scadenza 30 aprile 2045 e cedola

annua dell’1,50% (Codice Isin IT0005438004).

Hanno partecipato all’operazione circa 530 investitori per una domanda complessiva di oltre 80 miliardi di euro, raggiungendo il record di richieste nelle emissioni inaugurali di Green Bond sovrani in Europa. Rilevante è stata la partecipazione di investitori ESG (Environmental, Social and Governance) che hanno sottoscritto oltre la metà del collocamento.

Complessivamente ai fund manager è stato allocato il 53,1% del collocamento, mentre le banche ne hanno sottoscritto il 18,5%. Elevata partecipazione degli investitori con un orizzonte di investimento di lungo periodo, che hanno acquistato il 24,3% dell’emissione (in particolare il 14,3% è stato allocato a fondi pensione e assicurazioni, il 10% a banche centrali ed istituzioni governative). Agli hedge fund è stato allocato circa il 3,6% dell’ammontare complessivo. Le imprese non finanziarie hanno partecipato all’emissione con una quota residuale pari allo 0,5%.

La distribuzione geografica del titolo è stata estremamente diversificata, con una partecipazione che ha visto il coinvolgimento di oltre 40 paesi: gli investitori esteri si sono aggiudicati circa il 73,7% dell’emissione, mentre gli investitori domestici ne hanno sottoscritto il 26,3%.

Tra gli investitori esteri, di rilievo è stata in particolare la quota sottoscritta da investitori residenti nel Regno Unito (circa il 22,1%). Il resto del collocamento è stato allocato in larga parte in Europa continentale, ed in particolare in Germania, Austria e Svizzera (19,9%), in Francia (10,1%), nei paesi della penisola iberica (7,3%), nei Paesi Scandinavi (5,1%), in altri paesi europei tra cui Benelux (2,1%), Est Europa (1,2%), ed infine Medio Oriente (1,7%).

Al di fuori dell’Europa, gli investitori provenienti da Stati Uniti si sono aggiudicati l’1,9% dell’emissione; circa lo 0,5% è andato ad investitori asiatici, mentre il resto dell’emissione è sottoscritto da investitori residenti in altri paesi.

Il collocamento è stato effettuato tramite la costituzione di un sindacato composto da BNP Paribas, Crédit Agricole Corp. Inv. Bank, Intesa Sanpaolo S.p.A., J.P. Morgan AG e NatWest Markets N.V. che hanno partecipato in veste di lead manager, mentre tutti gli altri Specialisti in titoli di Stato hanno rivestito il ruolo di co-lead manager dell’operazione.