La presente informativa è resa, anche ai sensi dell’art. 13 del D. Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (“Codice Privacy”) 
e degli artt. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679 (“GDPR”), a coloro che si collegano alla presente edizione online del giornale Tribuna Economica di proprietà di AFC Editore Soc. Coop. 

Leggi di più

I TWEET

Scenario economico romeno e futuro dei rapporti con il nostro Paese. I principali temi dell'intervista di… https://t.co/LuvnTpmEwh
Primo portafoglio acquistato da #AMCO composto da crediti deteriorati di #BancaCarige https://t.co/H1hkkrGnJv via @TribunaEconomic
46 miliardi di Risorse Mobilitate, l’impegno di @SACEgroup a sostegno del #SistemaPaese https://t.co/NLaTjfoJB6’im… https://t.co/js1pybEMYn

La Confederazione ha chiuso il 2020 con un disavanzo record di 15,8 miliardi di franchi. Di questo pessimo esercizio, terminato in profondo rosso e con i risultati già anticipati lo scorso 17 febbraio dal ministro delle finanze Ueli Maurer, sono stati pubblicati i dati definitivi. Il Consiglio federale ha

adottato lo scorso venerdì il messaggio contenente le cifre invariate e definitive e lo ha trasmesso al Parlamento, indica una nota governativa odierna. Invece di un disavanzo di 15,8 miliardi, la Confederazione aveva stimato un'eccedenza di 344 milioni. Il coronavirus ha però cambiato totalmente le carte in tavola. Rispetto al 2019, le entrate ordinarie sono diminuite del 3,4%, che corrisponde approssimativamente al calo atteso del prodotto interno lordo nominale (-3,9%).

Nell'anno in esame le uscite effettive per contrastare la pandemia sono ammontate a 15 miliardi di franchi, in particolare spiccano i 10,8 miliardi versati a favore dell'indennità per lavoro ridotto e i 2,2 miliardi dell'indennità per perdita di guadagno a seguito della crisi del coronavirus. Il debito netto, nel 2020, è cresciuto di 15,5 miliardi, specchio fedele del deficit di finanziamento.

Per coprire l'elevato fabbisogno di mezzi necessari per le misure contro il coronavirus, durante l'anno passato la Confederazione ha, da un lato, aumentato l'indebitamento e, dall'altro, ridotto la liquidità, ovvero i suoi beni patrimoniali. Negli scorsi anni la liquidità era cresciuta in misura considerevole, in particolare per effetto dell'imposta preventiva. Impiegando tale liquidità la Confederazione ha potuto limitare il nuovo indebitamento. Nel 2020 il debito lordo è dunque cresciuto di circa 6,7 miliardi e a fine anno si attestava a poco meno 103,7 miliardi.   (ICE BERNA)