La presente informativa è resa, anche ai sensi dell’art. 13 del D. Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (“Codice Privacy”) 
e degli artt. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679 (“GDPR”), a coloro che si collegano alla presente edizione online del giornale Tribuna Economica di proprietà di AFC Editore Soc. Coop. 

Leggi di più

I TWEET

Scenario economico romeno e futuro dei rapporti con il nostro Paese. I principali temi dell'intervista di… https://t.co/LuvnTpmEwh
Primo portafoglio acquistato da #AMCO composto da crediti deteriorati di #BancaCarige https://t.co/H1hkkrGnJv via @TribunaEconomic
46 miliardi di Risorse Mobilitate, l’impegno di @SACEgroup a sostegno del #SistemaPaese https://t.co/NLaTjfoJB6’im… https://t.co/js1pybEMYn

Nel 2020, i Paesi Bassi si sono confermati per il secondo anno consecutivo il primo investitore diretto estero per flussi IDE in Albania. I dati della Banca d'Albania mostrano che gli investimenti olandesi hanno raggiunto il valore di 206 milioni di euro, valore che rappresenta circa il 22%

dell'afflusso totale di investimenti esteri durante il periodo. Il valore degli investimenti olandesi, diminuito del 21% rispetto al 2019, è per lo più legato alla Statkraft Markets BV, il proprietario di Devoll Hydropower. Statkraft è una società norvegese, ma il controllo delle società albanesi impegnate nella produzione di energia idroelettrica e solare in Albania viene effettuato tramite una società registrata nei Paesi Bassi.

Il secondo più grande investitore, è stata la Svizzera, con 190 milioni di euro. Anche questo valore è leggermente in contrazione rispetto all'ano precedente. L'andamento degli investimenti svizzeri negli ultimi anni è stato correlato alla costruzione del gasdotto TAP, società multinazionale, ma registrata in Svizzera. Anche la Svizzera è una destinazione frequentemente utilizzata per le società offshore.

L'Italia è stata il terzo più grande investitore per il 2020, con un afflusso totale di 117 milioni di euro, sostanzialmente stabili e diffusi in molteplici settori con prevalenza servizi. Al quarto posto la Turchia con 94 milioni di euro e al quinto posto gli investimenti austriaci con 73 milioni di euro. (ICE TIRANA)