La presente informativa è resa, anche ai sensi dell’art. 13 del D. Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (“Codice Privacy”) 
e degli artt. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679 (“GDPR”), a coloro che si collegano alla presente edizione online del giornale Tribuna Economica di proprietà di AFC Editore Soc. Coop. 

Leggi di più

I TWEET

Approfondimenti e interviste per capire che cosa offre la #Russia agli investitori italiani @rusembitalyhttps://t.co/LFXXQgWXQH
#Italia in quattordicesima posizione tra i partner commerciali del #Texas https://t.co/5kqoWpjvX5
@ItalyExpo2020 : I mosaici di Sicis al Padiglione Italia. Nel Teatro della Memoria un vestito di luce per il Gemell… https://t.co/oOwOybDVtC
#Spagna -#Italia due Paesi destinati a capirsi per fare sistema. Intervista a #MarcoPizzi, Presidente #CCIE a… https://t.co/cISBUAzlgH

La Commissione europea ha adottato il 26 marzo 2021 il primo programma di lavoro annuale di Erasmus+ per il periodo 2021-2027. Il programma, nuovo e riveduto, conterà su una dotazione quasi doppia rispetto alla precedente edizione: 26,2 miliardi di euro (in luogo dei 14,7 miliardi per

il periodo 2014-2020), integrati da circa 2,2 miliardi provenienti dagli strumenti esterni dell'UE.

Erasmus+ finanzierà progetti di mobilità per l'apprendimento e di cooperazione transfrontaliera per 10 milioni di cittadini europei di tutte le età e di ogni estrazione. Il programma punta a essere ancora più inclusivo e a sostenere le transizioni verde e digitale, e la resilienza dei sistemi di istruzione e formazione di fronte alla pandemia.

L'adozione del programma di lavoro annuale apre quindi la strada ai primi inviti a presentare proposte. Qualsiasi organismo pubblico o privato attivo nei settori indicati può presentare domanda di finanziamento, avvalendosi dell'aiuto delle agenzie nazionali Erasmus+ che sono presenti in tutti gli Stati membri dell'UE e nei paesi terzi associati al programma.

Il nuovo programma Erasmus+ offre opportunità relative a periodi di studio all'estero, tirocini, apprendistati e scambi di personale in tutti gli ambiti dell'istruzione, della formazione, della gioventù e dello sport. È aperto agli alunni delle scuole e agli studenti dell'istruzione superiore e dell'istruzione e formazione professionale, ai discenti adulti, ai giovani che partecipano a uno scambio, agli animatori giovanili e agli allenatori sportivi.

Oltre che nella mobilità, che assorbe il 70% del bilancio, il nuovo programma Erasmus+ investe anche in progetti di cooperazione transfrontaliera che possono coinvolgere istituti di istruzione superiore (ad esempio l'iniziativa delle università europee); scuole; istituti di istruzione e formazione degli insegnanti (ad esempio le accademie degli insegnanti Erasmus+); centri per l'apprendimento degli adulti; organizzazioni giovanili e sportive; erogatori di istruzione e formazione professionale (ad esempio centri di eccellenza professionale); altri operatori nel settore dell'apprendimento.