La presente informativa è resa, anche ai sensi dell’art. 13 del D. Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (“Codice Privacy”) 
e degli artt. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679 (“GDPR”), a coloro che si collegano alla presente edizione online del giornale Tribuna Economica di proprietà di AFC Editore Soc. Coop. 

Leggi di più

I TWEET

L'attività manifatturiera complessiva di Singapore è aumentata a marzo a un ritmo più veloce rispetto agli ultimi due anni, ad eccezione dell'elettronica che è cresciuta a un ritmo più lento.  Tuttavia, alcuni analisti e operatori del settore ritengono che l'attività

delle fabbriche potrebbe essere stata limitata e potrebbe continuare a soffrire per del tempo a venire, a causa del blocco del Canale di Suez che ha gettato nello scompiglio le catene di approvvigionamento globali. Si stima che circa il 60% del traffico diretto a est attraverso la Suez è diretto alla regione Asia-Pacifico. 

Secondo gli ultimi dat, L'indice PMI (Singapore Purchasing Managers 'Index) è salito per il nono mese consecutivo, con un aumento di 0,3 punti rispetto al 50,8 del mese precedente. Il Singapore Institute of Purchasing and Materials Management (SIPMM), che compila il rapporto mensile PMI ha affermato che questa è la lettura più alta registrata sin da marzo 2019, quando il PMI ha pubblicato una lettura simile di 50,8.  Una lettura superiore a 50 indica espansione; uno sotto indica la contrazione.  Il settore dell'elettronica è rimasto in espansione per l'ottavo mese consecutivo, ma il ritmo è ulteriormente rallentato a 50,6, in calo di 0,2 punti rispetto a febbraio.   (ICE SINGAPORE)