La presente informativa è resa, anche ai sensi dell’art. 13 del D. Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (“Codice Privacy”) 
e degli artt. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679 (“GDPR”), a coloro che si collegano alla presente edizione online del giornale Tribuna Economica di proprietà di AFC Editore Soc. Coop. 

Leggi di più

I TWEET

Un dato che riflette il momento difficile è il numero di grandi aziende che riferiscono alla Financial Market Commission che hanno chiuso l'anno in perdita, sebbene la maggior parte abbia ottenuto un rimbalzo nel quarto trimestre. Delle 681 aziende che hanno riportato, 212 hanno

registrato perdite per l'intero anno, con un aumento del 19% su base annua. Anche l'entità delle perdite era diversa.

Nel 2019, la società che ha perso di più è stata Metro, quest'anno è stato Latam, che ha visto la sua attività mensile diminuire fino a oltre il 95% ed ha dovuto attivare la procedura del Capitolo 11 negli Stati Uniti per evitare il fallimento. Ha perso circa $ 4,5 miliardi. L'unica cosa che ha in qualche modo alleviato le sofferenze è stata l'attività cargo.

Problemi anche per gli aeroporti: il concessionario dell'aeroporto Arturo Merino Benítez,  (tra cui figura Astaldi Concessioni) è stata la terza più grande perdita in Cile, con numeri rossi per 500 milioni di dollari.

I passeggeri totali sono scesi da 24,6 milioni nel 2019 a soli 8,5 milioni. Nell'elenco delle imprese che riportano perdite figurano anche compagnie di trasporto: Metro, EFE e Inversiones Alsacia.

Il business dei casinò si trova in una situazione critica. Enjoy ha anche subito un processo di riorganizzazione per evitare il fallimento. È interessante notare che la compagnia elettrica AES Gener e Banco Itaú sono entrati in questo elenco. Tra i grandi del retail solo Ripley presenta numeri in rosso. (ICE SANTIAGO)