La presente informativa è resa, anche ai sensi dell’art. 13 del D. Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (“Codice Privacy”) 
e degli artt. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679 (“GDPR”), a coloro che si collegano alla presente edizione online del giornale Tribuna Economica di proprietà di AFC Editore Soc. Coop. 

Leggi di più

I TWEET

La Cina ha sviluppato una serie di standard e procedure per identificare con precisione i poveri, le cause della loro povertà e i loro bisogni. Per raggiungere gli obiettivi prefissati sono stati organizzati programmi mirati, è stato utilizzato il capitale in modo efficiente, sono state

adottate misure basate sulla famiglia e sul villaggio. 

Nella sua lotta alla povertà, la Cina ha adottato cinque misure, tra cui rilanciare l'economia per offrire maggiori opportunità di lavoro, ricollocare i poveri residenti in aree disadattate, compensare le perdite economiche associate alla riduzione dei danni ecologici, migliorare l'istruzione nelle aree povere e fornire indennità di sussistenza per coloro che non sono in grado uscire dalla povertà da soli. Nel corso del tempo, gli investimenti dei governi centrale, provinciale, cittadino e di contea hanno raggiunto quasi 1,6 trilioni di yuan (circa 244 miliardi di dollari).