La presente informativa è resa, anche ai sensi dell’art. 13 del D. Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (“Codice Privacy”) 
e degli artt. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679 (“GDPR”), a coloro che si collegano alla presente edizione online del giornale Tribuna Economica di proprietà di AFC Editore Soc. Coop. 

Leggi di più

I TWEET

Il Ministero dell'Energia e delle Miniere estenderà l'ambito di applicazione degli incentivi pubblici per l'allaccio di 10.000 abitazioni nel nord e nel sud del Perù alla fornitura di gas naturale residenziale.Il Ministero, in qualità di amministratore del Fondo Sociale di Inclusione Energetica, 

ha deciso di espandere la copertura dell'incentivo programma BonoGas Residencial alle città di Chimbote, Huaraz, Chiclayo, Lambayeque, Trujillo, Pacasmayo e Cajamarca, che già dispongono di una rete di distribuzione gas naturale attraverso la Concessione del Nord. Il vantaggio si estenderebbe anche ad Arequipa, Moquegua, Ilo e Tacna, città nel sud del Perù dove Petroperú è responsabile della distribuzione del gas naturale.BonoGas Residencial è attualmente applicato a Lima, Callao e Ica, a beneficio-  fino ad oggi  - di oltre 600.000 abitazioni.

Questo programma finanzia fino al 100% dei costi di installazione del gas naturale nelle case delle famiglie a basso reddito secondo la classificazione  dell'Istituto Nazionale di Statistica e Informatica e, nel caso di famiglie di livello reddituale medio o medio-basso, il finanziamento concesso è rispettivamente del 50% e del 75% Attualmente, nelle città del nord del Perù ci sono già più di 125.000 connessioni domestiche di gas naturale e nel sud il numero di utenti è solo di 12.000. (ICE SANTIAGO)