La presente informativa è resa, anche ai sensi dell’art. 13 del D. Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (“Codice Privacy”) 
e degli artt. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679 (“GDPR”), a coloro che si collegano alla presente edizione online del giornale Tribuna Economica di proprietà di AFC Editore Soc. Coop. 

Leggi di più

I TWEET

Su base annua, le esportazioni e le importazioni slovene sono cresciute a marzo rispettivamente del 18,0% e del 20,4% rispetto allo stesso mese del 2020, un dato significativo visto che le restrizioni dovute alla pandemia sono iniziate l’anno scorso verso la metà del mese.

Negli Stati UE è stato esportato il 68,6% di tutte le merci; le importazioni dall’area dell’Unione Europea hanno raggiunto invece il 69,8%. Anche nei Paesi extra-UE è stata registrata una crescita nell’interscambio commerciale.

Secondo l’Ufficio Nazionale di Statistica, nei primi tre mesi di quest’anno export e import in Slovenia sono cresciuti rispettivamente del 5,9% e del 3,5%. Per quanto riguarda la produzione industriale, nei primi tre mesi di quest’anno è cresciuta del 3,0% rispetto allo stesso periodo del 2020: a fronte di un’espansione del 3,5% del settore manifatturiero, mentre l’attività mineraria e la produzione di energia elettrica sono diminuite rispettivamente del 2,0% e del 2,5%. Su base mensile, i dati di marzo riportano una leggera flessione nella produzione industriale (-1%) su base mensile, rispetto al mese di febbraio scorso: nel settore minerario e in quello manifatturiero si è registrato un calo rispettivamente del 3,4% e dell’1,3%, mentre nella produzione di energia elettrica e di gas è stata in crescita del 2,3%.   (ICE LUBIANA)