La presente informativa è resa, anche ai sensi dell’art. 13 del D. Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (“Codice Privacy”) 
e degli artt. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679 (“GDPR”), a coloro che si collegano alla presente edizione online del giornale Tribuna Economica di proprietà di AFC Editore Soc. Coop. 

Leggi di più

I TWEET

Le aziende tedesche di ingegneria meccanica continuano a guadagnare slancio. Infatti la domanda di macchinari dalla Germania è in pieno boom circa un anno dopo l'inizio della pandemia da Covid-19. Nel mese di aprile 2021, le aziende tedesche hanno ricevuto il 72% in più di

nuovi ordinativi rispetto allo stesso mese del 2020, come annunciato dall'associazione di settore VDMA. Un aumento altrettanto forte risale a decenni fa.

"Nel 1981 registrammo un più 100%, da allora non abbiamo mai più registrato valori così alti", ha detto Ralph Wiechers, capo economista della VDMA. Tuttavia, l'effetto rimbalzo ha anche giocato un ruolo quest’anno, perché 12 mesi fa "davvero tutto era giù a causa della pandemia", ha spiegato Wiechers. L'industria chiave tedesca, orientata all'esportazione, ne aveva risentito in termini di ordini in entrata. Gli ordini erano crollati del 31% ad aprile 2020. Tuttavia, il settore sta attualmente beneficiando anche della ripresa economica, che sta guadagnando forza, ha riferito il capo economista. Gli ordini interni sono aumentati del 60% in aprile, mentre quelli dall'estero sono aumentati del 78%. Tuttavia, il quadro non è privo di ombre.

"Siamo preoccupati per le attuali catene di approvvigionamento molto strette", ha detto Wiechers. "In questo periodo tutto è scarso, che si tratti di acciaio, di componenti elettrici o anche di vernici e materiali da imballaggio". A questo, ha detto, si aggiunge una graduale carenza di lavoratori qualificati. I problemi con la fornitura di materiali ed accessori stanno attualmente affliggendo le industrie di tutto il mondo. Nel periodo meno volatile di tre mesi da febbraio ad aprile di quest’anno, gli ordini sono aumentati del 34% rispetto allo stesso periodo del 2020. In quell’ultimo anno i produttori tedeschi di macchinari avevano registrato il più forte calo degli ordinativi dalla crisi finanziaria dal 2009. L'industria si aspetta di recuperare almeno parzialmente la massiccia battuta d'arresto legata alla pandemia durante l’anno corrente. La VDMA ha recentemente previsto una crescita della produzione corretta per i prezzi del 7%, dopo un crollo di circa il 12% nel 2020. (ICE BERLINO)