La presente informativa è resa, anche ai sensi dell’art. 13 del D. Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (“Codice Privacy”) 
e degli artt. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679 (“GDPR”), a coloro che si collegano alla presente edizione online del giornale Tribuna Economica di proprietà di AFC Editore Soc. Coop. 

Leggi di più

I TWEET

Il commercio bilaterale tra la Cina e l'Unione Europea (UE) ha visto una rapida crescita nella prima metà di quest'anno, dimostrando vitalità e capacità di ripresa nella loro cooperazione commerciale. Lo ha reso noto Li Kuiwen, portavoce della General Administration of Customs (GAC). I dati

mostrano come il commercio Cina-UE è salito del 26,7% rispetto a un anno fa attestandosi a 2.520 miliardi di yuan (389 miliardi di dollari) nella prima metà del 2021: cifre che fanno dell'UE il secondo partner commerciale della Cina durante il periodo considerato.

Il portavoce doganale ha specificato che circa il 16,6% delle esportazioni di prodotti meccanici ed elettrici della Cina ha avuto come destinazione l'Unione Europea, e che oltre un terzo dei beni di consumo importati nella nazione proveniva dall'UE, aggiungendo: "La Cina e l'UE sono importanti partner economici e commerciali con una forte complementarità economica e un grande potenziale di cooperazione".Li Kuiwen ha fatto sapere anche che il rafforzamento degli scambi economici e commerciali tra il Paese asiatico e l'Unione vuole migliorare il benessere delle persone su entrambi i lati, affrontare le sfide globali e promuovere la ripresa dell'economia mondiale.

I dati odierni hanno mostrato che le importazioni e le esportazioni totali della Cina si sono espanse del 27,1% su base annua arrivando a 18,070 miliardi di yuan nella prima metà del 2021, segnando così un aumento del 22,8% dal livello pre-epidemico del 2019. (XINHUA - ICE SHANGHAI)