La presente informativa è resa, anche ai sensi dell’art. 13 del D. Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (“Codice Privacy”) 
e degli artt. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679 (“GDPR”), a coloro che si collegano alla presente edizione online del giornale Tribuna Economica di proprietà di AFC Editore Soc. Coop. 

Leggi di più

I TWEET

Sostenere la promozione all’estero di marchi collettivi e di certificazione, anche attraverso la concessione di contributi agevolativi per la partecipazione a fiere e saloni internazionali di associazioni, consorzi e cooperative del made in Italy. 

E’ quanto prevede il decreto del ministro dello sviluppo economico Giancarlo Giorgetti, pubblicato in Gazzetta ufficiale, che rende operativo il nuovo regolamento che attua quanto previsto dalla legge di bilancio 2021.

In particolare, il provvedimento introduce importanti novità riguardo l’ampliamento della platea dei soggetti beneficiari dell’agevolazione, che viene estesa ai consorzi di tutela e altri organismi di tipo associativo e cooperativo in aggiunta alle associazioni rappresentative delle categorie produttive.

Per rafforzare la misura viene inoltre aumentata la dotazione finanziaria da un milione a 2,5 milioni di euro all’anno, mentre è stabilito che il contributo massimo concedibile ad ogni soggetto passa da 70 mila euro a 150 mila euro all’anno. Infine, il contributo sarà pari al 70% delle spese sostenute e non potrà superare in ogni caso 150 mila euro all’anno.

Oltre a supportare la partecipazione a fiere e saloni internazionali, la misura prevede che i contributi possano essere destinati al finanziamento di eventi collaterali alle manifestazioni fieristiche internazionali; incontri bilaterali con associazioni estere; seminari in Italia con operatori esteri e all'estero; azioni di comunicazione sul mercato estero, anche attraverso GDO e canali on-line; creazione di comunità virtuali a supporto del marchio.

I termini e le modalità per la presentazione delle domande per richiedere il contributo saranno definite prossimamente con un provvedimento ministeriale.