La presente informativa è resa, anche ai sensi dell’art. 13 del D. Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (“Codice Privacy”) 
e degli artt. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679 (“GDPR”), a coloro che si collegano alla presente edizione online del giornale Tribuna Economica di proprietà di AFC Editore Soc. Coop. 

Leggi di più

I TWEET

In giugno la produzione industriale del Giappone è aumentata del 6,2% rispetto a maggio, superando i livelli pre-pandemici. La crescita è stata sostenuta da una ripresa della produzione di auto e di macchinari per la produzione di semiconduttori. Da quanto emerso in un rapporto preliminare

del Ministero dell'Economia, del Commercio e dell'Industria giapponese l'indice destagionalizzato della produzione in fabbriche e miniere si è attestato a 99,3 (base 2015=100).

Nel mese di maggio era stata registrata una produzione inferiore del 6,5% rispetto alle previsioni. In giugno la produzione dell'industria automobilistica, compresi i veicoli, i dispositivi di guida e i motori, è aumentata del 22,6% rispetto al mese precedente. Un aumento dell'8,9% dei macchinari per la produzione di semiconduttori - avvenuta sulla base della crescente domanda di attrezzature per la produzione di chip - ha contribuito a spingere in alto l'indice di produzione nel suo complesso.

Il ministero - che ha affermato che la produzione industriale è "in ripresa" - ha anche evidenziato i rischi di un potenziale ribasso derivanti dall'impatto della diffusione delle nuove varianti del coronavirus in Giappone e all'estero e dall'influenza negativa sulla produzione automobilistica di una prolungata carenza di semiconduttori. (ICE TOKYO)