La presente informativa è resa, anche ai sensi dell’art. 13 del D. Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (“Codice Privacy”) 
e degli artt. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679 (“GDPR”), a coloro che si collegano alla presente edizione online del giornale Tribuna Economica di proprietà di AFC Editore Soc. Coop. 

Leggi di più

I TWEET

L’economia dello Zimbabwe dovrebbe crescere del 5,4% il prossimo anno, trainata dalla crescita dei settori minerario, manifatturiero ed elettrico. Lo ha detto il ministro dell'informazione del paese, Monica Mutsvangwa, sintetizzando i dati contenuti nel documento di strategia di bilancio 2022

presentato dal ministro delle Finanze durante una riunione di gabinetto. Secondo quanto riferito, le entrate del governo nel 2022 dovrebbero salire al 17,8% del prodotto interno lordo (PIL) l'anno prossimo rispetto al 16,4 per cento nel 2021; anche la spesa aumenterà al 19,4 percento del PIL rispetto al 18,2 percento del 2021.

Il governo dello Zimbabwe ha previsto che l'economia del paese supererà la pandemia di COVID-19 e registrerà una crescita del 7,5% quest'anno, riprendendosi così dalla recessione dello scorso anno. Nel bilancio nazionale del 2022, il governo darà la priorità al mantenimento della stabilità macroeconomica, alla creazione di un ambiente favorevole per gli investimenti delle imprese e al miglioramento degli standard di vita della maggioranza.

Per aumentare i guadagni in valuta estera dal tabacco, il governo ha approvato una nuova politica per localizzare il finanziamento della produzione di tabacco, in contrasto con l'attuale sistema in cui la maggior parte del raccolto è finanziato attraverso finanziamenti offshore. La foglia di tabacco è uno dei principali percettori di valuta estera per lo Zimbabwe.   (ICE JOHANNESBURG)