La presente informativa è resa, anche ai sensi dell’art. 13 del D. Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (“Codice Privacy”) 
e degli artt. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679 (“GDPR”), a coloro che si collegano alla presente edizione online del giornale Tribuna Economica di proprietà di AFC Editore Soc. Coop. 

Leggi di più

I TWEET

Il commercio della Cina con altri stati membri dell'Organizzazione per la Cooperazione di Shanghai (Sco) o Patto di Shanghai, è cresciuto di ben ben 20 volte dal 2001 al 2020. È quanto emerge dai dati ufficiali. Secondo il Ministero del Commercio, il volume d'affari tra la Cina e questi Paesi

ha raggiunto infatti 245 miliardi di dollari l'anno scorso, rispetto ai 12 miliardi di dollari registrati nel 2001.

Alla fine di luglio, l'investimento totale cinese in altri stati membri dell'Organizzazione ha superato i 70 miliardi di dollari e i progetti appaltati dalle aziende cinesi in tali nazioni sono stati valutati con un valore di oltre 290 miliardi di dollari. La Shanghai Cooperation Organization (SCO), è un'alleanza economica e di sicurezza lanciata nel giugno del 2001 e di cui oggi fanno parte nove Paesi, cioè Cina, Russia, India, Iran, Pakistan, Uzbekistan, Tagikistan, Kirghizistan, Kazakistan, più Afghanistan, Bielorussia e Mongolia come Paesi osservatori. (ICE SHANGHAI – ANSA – XINHUA)